×

Aeroporto Linate: avviato l’esperimento per il riconoscimento facciale

Condividi su Facebook

La sperimentazione per il riconoscimento facciale è attiva all'aeroporto di Milano Linate fino al 31 dicembre 2020 con accesso su base volontaria.

aeroporto linate riconoscimento facciale
aeroporto linate riconoscimento facciale

All’Aeroporto di Milano Linate è stato attivato l’esperimento relativo all’introduzione del riconoscimento facciale. Sea, società che ha in gestione lo scalo milanese ha infatti annunciato il Face Boarding, progetto sperimentale che consente a tutti i passeggeri in partenza di effettuare i controlli di sicurezza e le operazioni di imbarco senza dover mostrare i documenti, ma solo attraverso un sistema di riconoscimento facciale.

Aeroporto Linate: il riconoscimento facciale

L’introduzione delle nuove tecnologie ha permesso di attivare a Linate un esperimento relativo al riconoscimento facciale dei passeggeri. Non sarà quindi più necessario esibire il documento di identità e la carta d’imbarco durante le procedure di controllo e imbarco. Il sistema fa capo ad un apparato multimediale che rileva tutte le caratteristiche biometriche del volto acquisendo elettronicamente tutte le informazioni che attualmente vengono acquisite tramite il passaporto o un altro documento di identità.

Al passeggero basterà dunque mostrare il proprio viso e, una volta riconosciuto, potrà accedere al gate di imbarco evitando file e code.


La fase sperimentale

La sperimentazione è stata resa possibile grazie alla collaborazione tra Enac e Polizia di Stato e permetterà a tutti coloro che sceglieranno di aderire, di avere una corsia preferenziale per accedere ai controlli di sicurezza e successivamente al gate di imbarco. Il progetto sarà attivo fino al 31 dicembre 2020 e vi potranno accedere tutti i passeggeri della tratta Milano Linate-Roma Fiumicino operata da Alitalia, in possesso dei requisiti per accedere al fast track, maggiorenni e con carta d’imbarco e documento di identità elettronico (carta di identità o passaporto).

L’accesso è su base volontaria e il sistema non memorizzerà in alcun modo la foto.

Le informazioni saranno memorizzate nel sistema solo temporaneamente e verranno utilizzate esclusivamente per il riconoscimento del passeggero.

Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Antonella Ferrari

Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche