×

Milano dedica una statua a Margherita Hack a cento anni dalla nascita

E' la prima in Italia dedicata a una donna scienziata. Il progetto è stato promosso da Fondazione Deloitte, in collaborazione con Casa degli Artisti

Margherita Hack, Milano inaugura la prima statua in Italia dedicata a una scienziata

Nella giornata di lunedì 13 giugno Milano ha celebrato l’astrofisica Margherita Hack a cento anni dalla sua nascita. Nei giardini di fronte all’Università Statale di Milano, in largo Richini, è stata inaugurata la statua a lei dedicata.

Margherita Hack, la statua della signora delle stelle

È la prima opera in Italia dedicata a una donna di scienza su suolo pubblico. Il progetto è stato promosso da Fondazione Deloitte, in collaborazione con Casa degli Artisti e con il supporto del Comune di Milano.

La statua è stata realizzata dall’artista bolognese Sissi, vincitrice del concorso di idee lanciato lo scorso luglio a cui avevano aderito otto artiste italiane e internazionali. La scultura, intitolata Sguardo Fisico“, è realizzata in bronzo ed è alta 270 centimetri.

Statua Margherita Hack, Sacchi: “Un segno indelebile”

È evidente che le donne nella toponomastica cittadina di Milano sono ancora sotto rappresentate ma, finalmente, si stanno facendo dei passi avanti. Tommaso Sacchi, assessore alla Cultura del Comune, ha chiarito: “Questa è la prima statua di una donna su suolo pubblico a Milano e la prima in Italia dedicata ad una donna di scienza. Lasciamo oggi un segno indelebile della volontà di girare pagina su questo tema”.

Statua Margherita Hack: l’obiettivo

La scultura rappresenta la scienziata come se fosse nata da una delle galassie che studiava. Le mani e lo sguardo sono alzati verso il cielo. La scultura vuole offrire un modello positivo per le future generazioni. L’obiettivo è quello di stimolare i ragazzi ad intraprendere percorsi di studio in ambito tecnico-scientifico.Elio Franzini, rettore dell’Università Statale di Milano, ha evidenziato come l’impegno per una parità tra uomini e donne deve riguardare non solo gli studi ma il mondo del lavoro dove le carriere delle donne sono ancora inferiori a quelle dei loro colleghi maschi”.

LEGGI ANCHE: Più statue di donne a Milano, Angelica Vasile: “Sta per diventare realtà”

Leggi anche

Contents.media