×

Capodanno cinese: scopriamo le curiosità dell’evento

Condividi su Facebook

Il 12 febbraio sarà il Capodanno cinese, scopriamo alcune curiosità legate all'evento che lo faranno sembrare molto simile a quello italiano.

capodanno cinese curiosità
capodanno cinese curiosità

Il capodanno cinese a Milano, come quello italiano, non potrà essere realizzato nelle strade milanesi ma sicuramente ci saranno riti,usanze e curiosità che verranno rispettate in casa. Le scopriamo insieme qui.

Le curiosità del Capodanno cinese

Scopriamo insieme le curiosità del Capodanno cinese.

Un evento, previsto quest’anno il prossimo 12 febbraio, che ogni anno colora Milano con i suoi draghi, la musica e le lanterne rosse e che purtroppo quest’anno non potremo vedere per le strade.

Per scoprire le curiosità del Capodanno cinese partiamo proprio dalle lanterne rosse, il cui utilizzo è da collegare alla leggenda del mostro Nian. Secondo la leggenda il mostro Nian, che si cibava oltre che del bestiame e del raccolto anche della popolazione, avrebbe proprio paura di questo colore e dei rumori forti.

Ecco perché nel capodanno cinese si sfoggiano lanterne rosse e si utilizzano oggetti di questo colore. Rosse sono anche le buste contenenti denaro e da donare ai più giovani in segno di augurio, come rosse sono le strisce di carta su cui scrivere versi di buon augurio e da far sventolare alle finestre. Sempre per allontanare Nian, vengono anche riprodotti i rumori attraverso l’utilizzo dei fuochi d’artificio.

Un’altra curiosità del Capodanno cinese è il fatto che, proprio come previsto dal Capodanno italiano, ci si riunisca per la cena della vigilia del capodanno con i familiari.

Il menù della cena, inutile a dirlo, è un pranzo esclusivamente tipico e anche nel menù tipico del capodanno cinese sono previsti dei piatti che, secondo la tradizione, porterebbero fortuna, un po’ come il nostro cotechino e lenticchie. Tra questi ci sono i buonissimi ravioli, il pesce, che in cinese ha la stessa pronuncia della parola che indica abbondanza, gli involtini primavera, simbolo di ricchezza, palline di riso dolci, che sono augurali per mantenere l’unione familiare, e i noodles, che indicano la longevità.

In poche parole ogni volta che andiamo al ristorante cinese mangiamo come se fosse capodanno.

Infine, ultima per noi non ma non ultima curiosità dell’ancora misterioso Capodanno cinese, è l’usanza di fare pulizie all’interno della propria abitazione per fare teoricamente spazio alle fortune dell’anno successivo. Un’operazione minuzionsa che si svolge durante le due settimane successive al Capodanno. Anche qui singolare la similitudine con l’usanza italiana legata alla festa di Sant’Antonio Abate, che cade a due settimane dal capodanno italiano e durante la quale si realizzano falò in cui teoricamente il fuoco che brucia purifica dal vecchio e dalle cose negative per fare spazio al nuovo.

Leggi anche

Contents.media