×

Tutto ciò che c’è da sapere sulle criptovalute: cosa sono e come funzionano

In pochi anni, si sono affermate come il fenomeno finanziario più dirompente dei nostri tempi. Parliamo delle criptovalute come il Bitcoin.

In pochi anni, si sono affermate come il fenomeno finanziario più dirompente dei nostri tempi. Parliamo delle criptovalute come il Bitcoin. Si parla di currency digitali come il Bitcoin, divenute di dominio pubblico dopo l’immissione di moltissimi utenti in un mercato, in ogni caso, ad altissimo rischio. Le criptovalute puntano a sostituire i mezzi di pagamento tradizionali, attraverso un sistema rivoluzionario e protetto.

Il caso delle crypto è, a tutt’oggi, oggetto di studio di moltissimi esperti ed economisti. Si tratta, infatti, di una moneta sottratta all’emissione e al controllo di una banca centrale e inserita in una blockchain, ossia un circuito chiuso, in cui soltanto chi possiede questo tipo di valute può entrare e compiere operazioni. La blockchain viene, infatti, gestita tra i vari utenti che vi partecipano, completamente alla pari.

Quella delle crypto è una disciplina davvero insidiosa e ricca di punti oscuri dovuti all’insinuazione piuttosto recente nel fenomeno nel mercato di massa. Questa guida punta, dunque, a fare luce su alcuni dei punti fondamentali per iniziare a studiare l’andamento delle criptovalute e, perché no, compiere qualche piccolo investimento nell’ambiente.

Blockchain, info utili

Come già precedentemente accennato, vengono definite criptovalute proprio perché la loro sicurezza è garantita da un sistema di protezione, almeno apparentemente, inattaccabile, lo stesso utilizzato nel mondo degli NFT e che si sviluppa per mezzo di una serie di calcoli particolarmente complessi. La prerogativa della blockchain è quella di essere un protocollo inviolabile. Ad oltre un decennio dal debutto delle crypto nella scena finance internazionale, ciò che continua a renderle uno dei principali fenomeni su cui investire è proprio questo.

Era il gennaio del 2009, infatti, quando il primissimo blocco della catena del Bitcoin fu minato. La formula nasconde dei concetti definitivamente interessanti che rendono le crypto uno degli esempi lampanti dell’efficacia della catena di blocchi che, come detto, ha trovato, nel tempo, applicazione in moltissimi altri campi.

Per spiegarla facile, le criptovalute come il Bitcoin sono formate da una serie numerica concatenata in modo immutabile sotto forma di blocchi di bit insiti nella blockchain. I possessori di questa valuta custodiscono, dunque, questi numeri su un indirizzo internet utile a ricevere o effettuare transazioni.

Cos’è il mining?

Per quanto riguarda il mining, invece, a cui abbiamo accennato in precedenza, esso non è altro che il processo attraverso cui il meccanismo della blockchain ha modo di essere realizzato. I miners, ossia gli utenti immessi nel circuito, fanno in modo che l’iter informatico per la creazione delle monete, attraverso l’utilizzo di computer dalle performance particolarmente elevate, funzioni, ricevendo in compenso nuovi Bitcoin minati.

Attraverso complicati calcoli, i minatori creano nuovi blocchi della catena che, a sua volta, contiene il registro con la trascrizione non modificabile di tutte le operazioni avvenute fino a quel momento in termini di valuta. La blockchain, lo evinciamo da quanto descritto finora, ha il solo limite, nel caso dei Bitcoin, di arrivare ad una somma massima di valuta coniata: 21 milioni. I blocchi, invece, vengono minati ogni 10 minuti.

Ovviamente, il Bitcoin non è l’unica currency su cui è possibile investire. Ad oggi, infatti, sono decine di migliaia le criptovalute immesse nel mercato di riferimento che, durante la pandemia, si è espanso notevolmente. Oggi, il nome della crypto più importante e affidabile, è Ethereum. Si accosta ad altre e viene utilizzata per l’acquisto e la vendita di NFT. Per quanto appetibile questo paradigma possa essere, occorre tenere bene in mente che investire in criptovalute sia un rischio, maggiore a quello delle migliori slot online soldi veri. Proprio per questo è bene studiare attentamente le dinamiche di mercato prima di compiere acquisti affrettati.

Leggi anche

Contents.media