×

Siccità, il Comune di Milano riaccende le fontane che non sprecano acqua

Palazzo Marino fa parziale marcia indietro e riapre le fontane con il ricircolo dell'acqua. I Verdi: "Il buonsenso ha prevalso"

Milano è tra le città in Europa con il maggior numero di 'mega eventi'

Il Comune di Milano ha deciso di fare parziale marcia indietro sulle fontane: riaperte quelle con il ricircolo dell’acqua.

Fontane Milano, Monguzzi: “Chiusura assurda e controproducente”

A seguito delle proteste dei Verdi, Palazzo Marino ha deciso di emettere un’ordinanza per modificare la decisione presa inizialmente nei giorni scorsi: saranno dunque riaperte le fontane del Castello e di piazza San Babila.

Il consigliere comunale Carlo Monguzzi (Europa Verde) aveva denunciato: “Chiudere le fontane è sbagliato, non si risparmia acqua e si eliminano zone di refrigerio. È assurdo e controproducente”.

Fontane Milano: ridurre al minimo il reintegro dell’acqua persa per evapotraspirazione

Nel nuovo documento si legge: “Possono continuare a funzionare le fontane ornamentali, vasche da giardino e piscine che prevedono il ricircolo dell’acqua, sebbene si chieda di ridurre al minimo il reintegro dell’acqua persa per evapotraspirazione.

Inoltre, possono continuare a funzionare le fontane naturalistiche e specchi d’acqua con la presenza di fauna e flora ittica e le fontane che per ragioni tecniche potrebbero subire gravi danni“.

Fontane Milano: il nuovo documento

Il Comune invita i cittadini ad innaffiare le piante nelle ore serali, al fine di ridurre al minimo l’evaporazione. Possono essere innaffiati prati e giardini grazie ai pozzi di prima falda o, indirettamente, dagli impianti geotermici con sistemi di accumulo.

Consentite le bagnature di alberi e arbusti impiantati da meno di 3 anni.

LEGGI ANCHE: Piano anti caldo: l’aiuto di Milano alle persone fragili e agli anziani

Leggi anche

Contentsads.com