×

Stadio San Siro, l’assessora dei Verdi: “Prendere atto della realtà”

Grandi ribadisce la contrarietà al nuovo stadio San Siro. La battaglia continua.

San Siro, verdi

L’assessora di Europa Verde all’ambiente, Elena Grandi, è stata ospite ad un incontro online organizzato da ‘Generazioni Future Milano’, durante il quale sono stati trattati diversi argomenti, tra cui il cambiamento climatico e le politiche ambientali.

San Siro, l’assessora dei Verdi: “Non ero dal parrucchiere né da fare la spesa”

Grandi, non avendo potuto partecipare alla riunione di giunta nella quale gli assessori hanno approvato la conferma del pubblico interesse per il nuovo stadio San Siro, coglie l’occasione per difendersi: “La mia assenza da quella riunione non è un caso. Non ero dal parrucchiere né da fare la spesa. È stato un modo per dichiarare la nostra contrarietà senza arrivare a una rottura. Noi Verdi ora non vogliamo rompere col nostro sindaco, ma il capogruppo in Comune, Carlo Monguzzi, ha fatto dichiarazioni inequivocabili”.

L’obiettivo, in questo momento, è “agire in reciproca fiducia con Sala“.

San Siro, l’assessora dei Verdi: la disponibilità finanziaria dei club

Riferendosi a Milano e Inter, Grandi dichiara: “bisogna prendere atto della realtà”. I due club avrebbero ‘opacità’ sull’argomento proprietà e disponibilità finanziaria: Elliott non è intenzionato a rimanere proprietario del Milan a lungo, mentre Suning, probabilmente, venderà le quote dell’Inter. Secondo l’assessora dei Verdi lo stadio si farà, ma non sarà possibile realizzare anche il centro commerciale, gli uffici.

Inoltre, aggiunge “Abbiamo inserito l’esigenza che il cantiere sia subito impermeabilizzato, che il nuovo stadio sia carbon free e produca anche energia per il quartiere, che il vecchio stadio, se mai verrà demolito, lo sarà con sistemi a impatto zero, con mezzi elettrici e così via, e che lo stadio sia realizzato con materiale possibilmente di recupero“.

San Siro, l’assessora dei Verdi: i comitati

I Verdi sentono l’esigenza di lanciare il debat publique, un modello di partecipazione del Nord Europa, funzionale in Francia ma che, in Italia, non è ancora stato sperimentato.

Recentemente è stato istituito il comitato Sì Meazza“, a cui hanno aderito l’ex presidente dell’Inter, Massimo Moratti e i due ingegneri autori della Galleria Panoramica.

LEGGI ANCHE: Nuovo stadio San Siro, scontro Sala-Moratti: “Frase acida e infelice del sindaco”

Leggi anche

Contents.media