×

L’appello per il Muro della Gentilezza: servono vestiti e coperte per i più bisognosi

Con l'inverno alle porte, le richieste dei bisognosi sono in aumento: l'appello per riempire il muro della gentilezza.

Muro della Gentilezza, Viale Luigi Nono

Lo scorso gennaio 2020, la parete esterna del Tempio del Futuro Perduto, in via Luigi Nono, si preparava ad ospitare il Muro della Gentilezza. Ora servono abiti invernali e coperte: l’appello ai milanesi.

Muro della Gentilezza: le parole di Mariangela Vitale

Mariangela Vitale è la segretaria di Nuovo Rinascimento, il collettivo di giovani che organizza e gestisce le attività culturali e solidali all’interno della struttura. Vitale annuncia: “Per quanto riguarda gli abiti, abbiamo bisogno in particolare di quelli maschili perché le richieste sono in aumento e ci siamo resi conto di non avere scorte sufficienti. E poi giacche pesanti e coperte vanno sempre a ruba. Non facciamo quasi in tempo a ritirarle dai donatori e subito vengono ridistribuite.

A maggior ragione adesso, dato che andiamo incontro all’inverno”.

In soli 20 mesi, il Muro si è trasformato in un importante punto di riferimento per il capoluogo lombardo. Donati oltre 100 letti e materassi, 25 tonnellate di indumenti nuovi e usati, 1000 coperte e sacchi a pelo, 80 passeggini, 500 confezioni di pannolini, 10mila mascherine chirurgiche e 3 tonnellate di giochi per bambini.

Muro della Gentilezza: “Il Tempio non è un magazzino”

Non solo capi d’abbigliamento, al Tempio sono arrivati anche strumenti musicali, sedie a rotelle, stampelle, biciclette, astucci e quaderni per la scuola, migliaia di preservativi, estrattori di latte materno, posate e stoviglie, stereo e lettori dvd, profumi e gioielli, oltre 50mila libri e beni di prima necessità.

Vitale prosegue: “Siamo cresciuti tutti, sia noi che abbiamo imparato a organizzare sempre meglio l’attività di ritiro e redistribuzione dei doni sia gli stessi donatori.

Hanno capito, per esempio, che il Tempio non è un magazzino e che quindi è opportuno portare il materiale poco per volta. Al massimo un paio di sacchi per ogni visita. Se poi si hanno molte cose da donare si può ovviamente tornare”.

Muro della Gentilezza: gli orari

Il Muro della Gentilezza è sempre operativo, tuttavia, la consegna dei doni va effettuata nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì tra le 10,30 e le 19,30.

Vitale conclude: “Nel weekend preferiamo concentrarci sulla distribuzione più che sul ritiro degli oggetti”.

LEGGI ANCHE: Il Muro della gentilezza: un anno di solidarietà nonostante la pandemia

Leggi anche

Contents.media