×

Progetto arca si trasforma in food truck per i bisognosi di Milano

Condividi su Facebook

La Fondazione Progetto Arca intensifica la sua attività di sostegno ai più bisognosi di Milano con l'aggiunta di un food truck operativo ogni sera.

progetto arca milano
progetto arca milano

Da sabato 7 novembre, la Fondazione Progetto Arca, che da sempre a Milano si prende cura dei più bisognosi della città, si è trasformato in food truck per portare pasti gratis in giro per la città. Insieme al pasto caldo saranno fornite anche informazioni sui servizi di assistenza sanitaria e di riparo.

Un “nuovo servizio dedicato alle persone più fragili” dichiara Alberto Sanigallia, presidente della Fondazione Progetto Arca.

Un food truck del Progetto Arca a Milano

La Fondazione Progetto Arca da sempre porta pasti gratis e assistenza ai senzatetto e ai più bisognosi di Milano. “Un piatto caldo donato come gesto di cura e attenzione è il modo più diretto, sincero e accogliente per entrare in contatto con una persona, per dirle che si può fidare di te e per cominciare a instaurare un dialogo“ spiega Alberto Sanigallia, presidente della Fondazione Progetto Arca.

“La base di tutte le nostre attività e servizi dedicati alle persone senza dimora è la vicinanza e il sostegno concreto in risposta a un bisogno primario, proprio come è il cibo: un diritto fondamentale di ogni essere umano, con un importante valore di relazione. Un pasto caldo, sano e buono è il primo passo verso una presa in carico più strutturata della persona fragile, avviandola poi a un recupero della sua vita“.

Il Food Truck entra in gioco proprio per intensificare questa operazione sia dal punto di vista di estensione territoriale ma anche quantitativo. Grazie ad esso infatti i volontari di Progetto Arca potranno servire ben 120 pasti caldi, 5 giorni a settimana. Consegneranno inoltre anche un pasto freddo, per la colazione ed il pranzo del giorno seguente. In questa occasione inoltre ci sarà anche del personale qualificato che guiderà i senza dimora in un percorso di reinserimento sociale.

Questa iniziativa migliora la qualità di un servizio che in città ha già raggiunto un buon livello di risposta, riuscendo a fornire un piatto caldo e una dieta più equilibrata ai senza dimora. Quel piatto rappresenta anche un’occasione per poter scambiare due parole, informare dei servizi offerti e cercare di convincere queste persone ad utilizzare le strutture che, come ogni anno, a breve verranno attivate per il Piano freddo“ spiega l’assessore alle Politiche Sociali, Gabriele Rabaiotti.Un progetto realizzato anche con la collaborazione con Banco Alimentare Lombardia, Fondazione Banca del Monte di Lombardia e Unione Buddhista Italiana.

”È da anni che collaboriamo per dare una risposta concreta ed univoca al bisogno e oggi, a fronte dell’emergenza legata alla pandemia, siamo ancora più uniti per dare aiuto alle persone in difficoltà“ dichiara Marco Magnelli, direttore di Banco Alimentare Lombardia.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche