×

I pronto soccorso a Milano sono in affanno: situazioni critiche in 7 strutture

Condividi su Facebook

Il centralini del 118 sono sommersi di telefonate e i pronto soccorso degli ospedali di Milano sono in situazioni critiche di iperafflusso.

pronto soccorso milano

I centralini del 118 registrano un incremento delle telefonate e un conseguente aumento delle attese ai pronto soccorso di Milano, ormai in affanno. Giovedì 29 ottobre, secondo la Soreu Metropolitana, che gestisce le telefonate del 118 e i mezzi di soccorso per il territorio di Milano e di Monza Brianza, sono state gestite 2.000 richieste di aiuto e i pronto soccorso erano in “situazioni critiche di iperafflusso”.

Pronto soccorso in affanno a Milano

I pronto soccorso degli ospedali di Saronno, Policlinico di Milano, San Raffaele, di Rho, ospedale Sacco, ospedali San Carlo e San Paolo di Milano e ospedale di Cernusco sono in difficoltà. Secondo la Soreu metropolitana “il tempo medio di sosta in pronto soccorso dei mezzi Areu negli ospedali dell’area Metropolitana è stato di 36 minuti nel pomeriggio di giovedì“. Il fattore principale è sicuramente il Coronavirus.

Registrato infatti “un incremento relativo degli accessi per motivi respirativi e infettivi, 41%, con un +34% rispetto alla situazione alle 16 del giorno precedente“.

Così, mentre la politica cerca di evitare un nuovo lockdown, la sanità affanna. Massimo Galli, virologo e direttore del reparto di malattie infettive del Sacco di Milano dichiara: “Abbiamo già riconvertito tutto quello che si poteva riconvertire, a 30 letti al giorno, per arrivare all’attuale situazione e probabilmente non basterà.

La situazione è decisamente pesante. Anche per sostenere gli sforzi di tutti i collaboratori, dico che stiamo tenendo duro e anche parecchio. Ma più di tanto non puoi tirare la corda, perché rischia di spezzarsi“.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche