×

Covid Milano, focolaio al Teatro alla Scala: 11 positivi

Condividi su Facebook

Focolaio al Teatro alla Scala. Undici persone di cui nove cantanti e due direttori d’orchestra sono risultati positivi. Coro in quarantena.

coronavirus focolaio teatro alla scala

Focolaio al Teatro alla Scala dove nove cantanti sono risultate positive. Con loro anche due professori d’orchestra di fiati. Il risultato è stato la quarantena per tutto il coro oltre che gli strumentisti del gruppo dei fiati che per motivi di tipo tecnico sono anche gli unici autorizzati a non indossare la mascherina.

Il periodo d’isolamento durerà fino a lunedì 2 novembre quando verrà effettuato un nuovo tampone. Si tratta di una notizia questa che ha creato non pochi problemi non solo per quanto riguarda la salute di cantanti e musicisti, ma anche per motivi di tipo organizzativo. Con l’intero coro e il gruppo di fiati in quarantena potrebbe essere a rischio la fine della stagione oltre che la prima prevista il 7 dicembre.

Per questo motivo, si sta studiando a delle alternative.

Covid, focolaio al teatro alla Scala

La fine della stagione è a rischio al Teatro alla Scala di Milano. Nove cantanti e due professori d’orchestra dei fiati sono risultati positivi al tampone. Una notizia che ha portato alla messa in isolamento dell’intero coro oltre che degli strumentisti del gruppo dei fiati. Oltre a coro e fiati si sono sottoposti al tampone anche i ballerini del corpo di ballo risultando però tutti negativi.

Alla notizia del coro e dei fiati in quarantena, nella giornata di venerdì 23 è stata annullata la prova in programma.

Nel frattempo il sovrintendente del Teatro alla Scala si è rivolto ai sindacati per illustrare quanto successo. Ha inoltre dichiarato che prima di prendere decisioni, provvederà a parlare con il sindaco di Milano Giuseppe Sala e il consiglio di amministrazione.

A questo proposito è intervenuto anche Paolo Puglisi della CGIL che ha dichiarato: “C’è ottimismo e volontà di andare avanti ma la prima cosa a cui pensare è la salute di lavoratori e spettatori”. In ogni caso qualora dovesse venire approvata la misura del coprifuoco, per il teatro alla Scala potrebbe essere complicato pensare di andare avanti. Nel frattempo si sta pensando a delle alternative in vista della prima del prossimo 7 dicembre.

Si sarebbe pensato a Lucia di Lammermoor, un’opera scelta non solo perché molto conosciuta, ma anche perché richiede la partecipazione di poche persone.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Antonella Ferrari

Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Lavora per Entire Digital

Leggi anche