×

Coronavirus, a Milano era in circolo dal 26 gennaio: oltre 160 malati prima del paziente 1

Condividi su Facebook

A Milano il coronavirus circolava dal 26 gennaio, almeno 1360 i contagi in tutta la Lombardia prima del caso di Codogno.

Coronavirus a Milano, lettera a Beppe Sala dal settore del turismo
Diverse aziende e start up hanno scritto una lettera a Beppe Sala perché il Coronavirus a Milano non blocchi il settore del turismo

Nella notte tra il 20 e il 21 febbraio in Lombardia, a Codogno per l’esattezza, era stato individuato il primo paziente positivo al coronavirus, Mattia M. e da allora il Covid-19 è velocemente diventato un problema nazionale, poi europeo e infine mondiale con tanto di certificazione di pandemia.

Da mesi si cerca di capire però chi sia stato il vero paziente uno, in quanto era da subito apparso chiaro come il caso di Codogno fosse soltanto il primo di cui ci si era resi conto, con la sensazione che il virus fosse arrivato in Italia molto prima. Secondo un’analisi della task force sanitaria della Lombardia, riportata dal Corriere della Sera, il coronavirus avrebbe iniziato a circolare a Milano dal 26 gennaio, quindi quasi un mese prima che tutti noi ce ne accorgessimo.

Coronavirus a Milano dal 26 gennaio

Lo studio del gruppo di esperti lombardi ha seguito in maniera postuma le tracce che il virus potrebbe aver percorso e, pur non trattandosi si ricostruzioni affidabili al 100%, ha tracciato una linea del tempo basandosi sulle dichiarazioni dei primi positivi ai quali è stato chiesto quando avessero iniziato ad avere i sintomi.

L’analisi della task force sottolinea poi che almeno 160 persone avevano già contratto il virus tra Milano e provincia e circa 1.200 in tutta la Lombardia, prima che fosse individuato il paziente uno di Codogno.

Il virus ha circolato libero per un mese

Resta ora da capire come mai nessuno si sia accorto del contagio. I racconti forniti da medici di base e ospedalieri ci mettono a conoscenza del fatto che, in varie aree della Lombardia, tra cui quella di Bergamo e della Val Seriana, tra gennaio e febbraio c’era stato un cospicuo aumento delle polmoniti, i cui sintomi erano molto simili a quelli del coronavirus. Erano state classificate come normali influenze, in quanto il Covid-19 sembrava ai tempi un problema relegato alla sola Cina. Un errore naturalmente, basti pensare che, secondo la ricostruzione al ritroso effettuata, quando era scattata la quarantena a Wuhan a Milano sarebbero già state circa 40 le persone contagiate. A nulla sarebbero valsi dunque in quel caso il blocco dei voli con la Cina, il coronavirus era già in Italia e circolava senza contrasto.

Nato a Latina il 23/03/1991, é laureato in Economia e Marketing presso l'Università La Sapienza di Roma. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con diverse testate tra cui TGcom24 e IlGiornaleOff. Lavora come speaker a Radio Rock.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Riccardo Castrichini

Nato a Latina il 23/03/1991, é laureato in Economia e Marketing presso l'Università La Sapienza di Roma. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con diverse testate tra cui TGcom24 e IlGiornaleOff. Lavora come speaker a Radio Rock.

Leggi anche