×

Coronavirus, cosa succede dopo il 3 aprile a Milano: le parole di Giulio Gallera

Condividi su Facebook

L'allarme Coronavirus continuerà anche dopo il 3 aprile: a dirlo è l'assessore Giulio Gallera parlando delle previsioni dopo il 3 aprile.

coronavirus previsioni
coronavirus previsioni

È ormai certo che l’emergenza sanitaria che sta colpendo l’Italia continuerà oltre il limite inizialmente stabilito. Si continuerà a parlare del Coronavirus anche dopo il 3 aprile. Ne è sicuro l’assessore Gallera che fa alcune previsioni su come sarà la quotidianità in futuro: “Gireremo con la mascherina e manterremo le distanze sociali”.

Coronavirus: le previsioni a Milano

“Tra qualche settimana ricominceremo, ma dovremo abituarci a uno stile di vita diverso”. L’assessore al Welfare lombardo Giulio Gallera rivela quali sono le sue predizioni sul dopo quarantena. La battaglia però non è ancora finita: “O vinciamo tutti insieme, nessuno escluso, oppure rischiamo di trovarci di nuovo al fronte del baratro. Purtroppo non potremo allentare l’attenzione per molti mesi”. L’invito, o meglio l’obbligo, è ancora quello di rimanere in casa, per evitare che la curva di contagi continuo inesorabilmente a crescere.


Poi spiega come sarà tornare alla vita quotidiana, anche se in modo graduale – come già ha spiegato il Sindaco di Milano Beppe Sala -. “Fra qualche settimana, se le cose vanno bene, ricominceremo.

Dovremo probabilmente abituarci a un modo di vivere diverso. Probabilmente girare con la mascherina, avere maggiore distanza sociale, magari ristoranti con meno tavoli. Quello che stanno vivendo in Cina sono le infezioni di ritorno: persone che arrivano da fuori e portano il virus. – Poi specifica – finché non avremo un vaccino dovremo adottare modalità di comportamento a cui non eravamo abituati”.

I numeri a Milano

Intanto i numeri a Milano crescono arrivando a quota 3.406 che sommati all’area metropolitana diventano 8.300.

In soli sette giorni si è visto un aumento di 3.233 casi. Regione Lombardia nel frattempo continua a sperare nella flessione della curva di contagi. Il governatore lombardo Attilio Fontana si dice parzialmente conteno: “Siamo sulla buona strada. Stiamo mantenendo la linea che non è più in salita, ma nemmeno in discesa. L’aspetto è positivo e lo guardiamo con grande interesse, attenzione e speranza”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche