×

Coronavirus: il business illegale delle mascherine di contrabbando

Condividi su Facebook

Con l'esplosione dell'epidemia da coronavirus le farmacie hanno esaurito le mascherine ma una banda di "spacciatori" apre il contrabbando delle FFP3.

Milano, gli sciacalli delle mascherine

Sulle vetrine di tutte le farmacie meneghine (e non solo) ormai troneggia l’avviso “Attenzione, qui le mascherine sono esaurite” ma a Milano un gruppo di giovani ha scoperto come esaudire la domanda dei clienti che non sono riusciti ad accaparrarsi le tanto agognate FFP3.

Già perché la psicosi legata al largo contagio da coronavirus, che sta interessando il territorio lombardo, è diventata benzina sul fuoco per gli ambulanti illegali. Sono divisi in piccoli gruppi e operano ai lati della zona di stazione Centrale, lì dove si concentrano partenze e arrivi, luogo che pullula di possibili compratori: al contrario il resto di Milano sembra ormai un deserto urbano.

Coronavirus: il business illegale delle mascherine

“Su internet le vendono a più di 100 euro, noi le abbiamo comprate a 2 e le rivendiamo a 10 euro” -racconta uno di loro, mentre è intento a chiudere una nuova trattativa con una turista appena scesa dal treno- “È come quando con la siccità è aumentato il prezzo dell’acqua in Egitto, è normale” conclude. Insomma il business delle mascherine, di dubbia provenienza e senza alcun controllo, frutta vantaggiosi profitti alla banda del coronavirus: fatturato (si fa per dire) garantito e utili del 400%.

La vera domanda da porsi in questo caso è: esiste un confine tra il mercato dello sciacallaggio e la vendita in nero socialmente utile? La verità che quieta il dibattito è che questo racket illegale non garantisce alcuna sicurezza sui dispositivi di protezione individuale venduti.

Milano, gli sciacalli delle mascherine_ gli ambulanti di Centrale

Mascherine di contrabbando: cosa sono le FFP3

La merce in questione viene spacciata per FFP3 ovvero quella tipologia di mascherina filtrante in tessuto non tessuto, con diverse fasce regolabili e dotate di involucro a rete in PVC. Nello specifico si tratta di un respiratore di protezione contro le particelle solide e liquide ad alta tossicità che può essere utilizzato per concentrazioni di contaminante fino a 20 volte il valore limite ponderato.

Le FFP3 però prediligono un utilizzo usa e getta: secondo alcune delle case produttrici infatti la mascherina non deve essere utilizzata per oltre un giorno lavorativo.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Francesco Leone

Reporter, autore e field producer. Laureato in Comunicazione presso l'Università degli studi di Milano, con corso specialistico post laurea in Scenari Internazionali della Criminalità Organizzata. Durante gli studi ho collaborato con diverse testate giornalistiche, tra il 2016 e il 2017 ho svolto un tirocinio giornalistico presso Mediaset Premium, nella redazione di PremiumsportHD. Dal 2018 mi occupo di inchieste, servizi e video reportage per i giornali del gruppo Entire Digital.

Leggi anche