×

Expo 2015 news: Luigi Roth lascia, crescono le preoccupazioni

Condividi su Facebook

A che punto siamo con Expo? Le dimissioni di Pisapia prima e di Roth poi non sono certo di buon auspicio.

Expo comincia a prendere seriamente una brutta piega: dopo le dimissioni di Giuliano Pisapia da commissario straordinario, ora lascia anche Luigi Roth, da commissario del Padiglione Italia.

Roth era stato nominato commissario per l’ideazione e la realizzazione della struttura che rappresenterà il nostro Paese all’esposizione soltanto lo scorso 14 febbraio.

Pisapia ha commentato, come leggiamo sul Corriere:

“Le dimissioni di Roth dimostrano purtroppo che le preoccupazioni che ho espresso nelle scorso settimane erano fondate. È evidente che a poco più di mille giorni dal via dell’Esposizione Universale è indispensabile uno sforzo comune di tutte le istituzioni coinvolte, a partire dal Governo nazionale”

Intanto Diana Bracco, presidente di Expo S.p.A., ha invitato a trovare

“in tempi brevi una soluzione adeguata, che tenga conto anche della necessità di ottimizzare le risorse professionali e finanziarie disponibili”

Lasciamo a voi ogni commento…intanto, ricapitoliamo le vicissitudini di questa Expo.

2008

31 marzo 2008: Milano si aggiudica l’Expo 2015.

Expo 2015: i primi conflitti di interesse.

Letizia Moratti è nominata commissario straordinario, Paolo Glisenti è (non ufficialmente) amministratore unico.

Silvio Berlusconi firma il decreto per Expo 2015.

1 dicembre 2008: nasce la SoGe.

23 dicembre: non c’è ancora la nomina di Glisenti.

2009

Shanghai ‘bacchetta’ Milano per i ritardi.

Paolo Glisenti lascia, al suo posto arriva Lucio Stanca.

8 settembre 2009: presentato il concept plan, video e foto di Milano 2.0.

Le prime considerazioni, un anno dopo: si parla già di sconfitta per il tempo perso.

Polemiche sul ‘doppio incarico’ di Lucio Stanca.

Letizia Moratti promette strade e metrò pronti per il 2014.

2010

Expo è di nuovo ferma: arriva Guido Bertolaso?

29 gennaio 2010: cambia il piano dell’orto globale.

L’Expo è in ritardo? Le parole di Lucio Stanca al Made Expo (video di Milano 2.0).

Il problema terreni: si pensa all’acquisto.

Lucio Stanca è sotto attacco: al suo post Luigi Roth?

Roberto Formigoni fa una proposta per l’acquisto dei terreni.

26 aprile 2010: presentato il masterplan, video e foto di Milano 2.0.

Il Bie preme per l’acquisto dei terreni.

24 giugno 2010: Lucio Stanca lascia l’incarico di amministratore delegato.

Giuseppe Sala prende il posto di Lucio Stanca.

20 ottobre 2010: il Bie ha dato il via libera alla registrazione del dossier.

2011

Addio ‘orto planetario’, il possibile conflitto di interessi tra Guido Podestà e i Cabassi.

3 maggio 2011: al via il concorso per il nuovo logo (il 25 maggio viene dichiarato vincitore quello disegnato da Andrea Puppa).

31 maggio 2011: Giuliano Pisapia è il nuovo sindaco di Milano, il 14 giugno Letizia Moratti lascia il ruolo di commissario straordinario. Il presidente del Comitato esecutivo del Bureau des Expositions, Steen Christensen, lancia l’allarme per i troppi ritardi.

11 giugno 2011: Stefano Boeri ottiene l’assessorato alla Cultura, con delega a Expo.

12 luglio 2011: arriva l’accordo sulle aree, scontro tra Boeri e Pisapia.

28 novembre 2011: Stefano Boeri rassegna le sue dimissioni, Giuliano Pisapia lo reintegra in giunta ma senza la delega a Expo.

Expo 2015 news: troppi costi e troppi ritardi, si cambia ancora il progetto.

2012

Expo 2015 ultime notizie: firmato il protocollo per la regolarità e la sicurezza nei cantieri.

Expo 2015: Pisapia, “Rimetto il mandato a Monti”; attenzione insufficiente dal Governo.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche