×

Nicole Minetti dopo la convocazione al Tribunale di Milano

Condividi su Facebook

Nicole Minetti dopo la convocazione al Tribunale di Milano. Scopri le sue nuove rivelazioni: continuare a fare politica, sposarsi e fare i figli!

Un po’ mi dispiace per Nicole Minetti, che solo ora, come scrive Riccardo Spiga su Teleipnosi, forse si è resa conto di essere solo la ‘vittima sacrificale’ del ‘vecchio flaccido’.

Eleonora Bianchini su Internet e Politica riporta alcuni stralci delle intercettazioni del consigliere regionale, in cui si ‘sfoga’:

“L’uomo sta invecchiando ma a me non frega niente. Si sta comportando da pezzo di merda. Mi ha tirato nei festini… io sono una brava persona, al massimo faccio contravvenzioni, ma non arrivavo a commettere reati”

“La politica è un casino. Cioè cade lui e cadiamo noi. A lui fa comodo mettere te e me in Parlamento perché dice ‘Bene, me le sono levate dai coglioni e i cittadini gli pagano lo stipendio'”.

“C’è un limite a tutto, non me ne frega un c. se lui è il presidente del consiglio e cioè …. Un vecchio e basta… si sta comportando da pezzo di merda”

E la migliore:

“A lui non gliene frega niente, io ho capito questo. Cioè io per la prima volta ho realizzato che lui non mi ha dato quel ruolo perchè pensava che io fossi idonea e adatta, mi ha dato quel ruolo perchè in quel momento è la prima cosa che gli è venuta in mente, se non ci fossi stata io ma ci fosse stata un’altra l’avrebbe data a un’altra

Amarezza e tanta desolazione.

Basta leggere la risposta all’ultima domanda di Giuseppe Guastella sul Corriere:

Cosa vuol fare da «grande»?
«Voglio continuare a fare politica, ma voglio anche sposarmi e avere dei figli. Non so se dopo tutto questo…»

Lacrime da coccodrillo dopo la convocazione dei giudici del Tribunale di Milano?

Resta il fatto che tutta la faccenda, come scrive Concita De Gregorio sull’Unità, è:

Un insulto ai milioni di donne laureate e bilingue, anche solo diplomate e monolingua, che non intendono prostituirsi per vivere e di conseguenza vivono sei mesi con quello che Nicole e Karima guadagnano in dieci minuti.

Vi sembrerà gossip: a me pare il peggior esempio politico, il più degradante modello di comportamento, la più colossale opera di imbarbarimento culturale messa in atto da un uomo pubblico. Del tutto normale, poi, che le sedicenni che escono da scuola dicano: perchè, che male c’è?

Disgustorama.

Leggi anche

Contents.media