×

'Mammoni' di ritorno: negli atenei milanesi sono i parenti a iscrivere le matricole

Condividi su Facebook

"Vorremmo fare Ingegneria, quale indirizzo consiglia?"

Non ci sarebbe nulla di male se questa frase venisse pronunciata da un giovane maturando alle prese con la scelta dell'orientamento all'università (fonte immagine). Invece si tratta di una delle telefonate ricevute dagli atenei milanesi in questi giorni che vedono dall'altro capo del filo parenti di ogni grado del 18enne pargolo che 'poverino è ancora in vacanza' e che quindi non può telefonare.

Non mancano chiamate da nido d'infanzia:

"Mi perdoni, sa se il mio ragazzo è arrivato?"

L'articolo pubblicato questa mattina dal Corriere è agghiacciante. Molti genitori, ma anche molti nonni, tempestano i centralini per avere informazioni sulle modalità di accesso ai corsi.

Alla Bicocca su dieci richieste di informazioni su sette arrivano dai genitori. Spesso il parentado partecipa anche alle giornate aperte.

Che fine hanno fatto i ragazzi che facevano finta di non conoscere mamma e papà incontrandoli per strada se erano in compagnia degli amici?

Lungi dalle generalizzazioni ovviamente, ma fanno specie le parole di Barbara Rosina, responsabile del centro per l'orientamento della Statale di Milano:

"Tutta la famiglia si interessa al futuro dell'aspirante matricola.

E le richieste sono dettagliatissime, dagli sbocchi lavorativi, agli orari delle lezioni alla fermata del metrò più vicina. In questo caso consigliamo di consultare il Tuttocittà. A volte ci capita di parlare con persone che vogliono conoscere i minimi dettagli dei nostri corsi. Noi glieli forniamo e poi scopriamo che i figli sono lì, proprio di fianco a loro, a fare da suggeritori. Ma allora perché non ce li passano? Se potessimo parlare direttamente con i ragazzi sarebbe tutto molto più semplice"

C'è anche chi ha osato chiedere:

"Vorrei che mio figlio frequentasse Economia, mentre lui preferirebbe Lettere.

Lei che ne dice?"

Va bene la normale apprensione, ma qui si oltrepassa il limite. Senza contare che gli effetti potrebbero essere alla lunga devastanti. E' così difficile crescere e assumersi responsabilità "da grandi"?
0 Post correlati Seveso, per evitare le esondazioni servono nuove misure: ma i progetti sono fermi “No Gelmini Day”, le foto del corteo di Milano: danneggiata la vetrina di una banca Enrico De Alessandri si incatena davanti al Pirellone per protestare contro il potere di Comunione e Liberazione Ruby Rubacuori al Karma, insulti dalle coetanee e cori volgari dai ragazzi: le foto “

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche