×

Maltempo, esondano Lambro e Seveso: secondo il meteo nessun miglioramento fino a domenica

Condividi su Facebook

Una pioggia così, nelle prime due settimane di agosto, a Milano, non cadeva da prima dell'inizio del 1900 e la situazione climatica non sembra voler migliorare, almeno fino a domenica.

A rivelarlo – riporta Repubblica – è l'Osservatorio Duomo:

"I nostri archivi informatici arrivano solo fino al 1899 e da quella data non c'è traccia di piogge così consistenti: dal primo di agosto sono caduti 95.2 mm di acqua.

Solo ieri, alle cinque di pomeriggio, eravamo già a quota 26.8 mm. Tantissimo".

Le abbondanti precipitazioni, come da copione, hanno provocato allagamenti in cantine e appartamenti, creato notevoli disagi sulle strade e ingrossato fino all'esondazione le rive dei due "osservati speciali" , Seveso e Lambro.

Il Lambro ha rotto gli argini ieri alle 8 del mattino, inondando di fango il parco Lambro, infilandosi – racconta il Corriere – nelle cantine del "Centro ambrosiano di solidarietà" in via Marotta e nel locale "Capanna dello zio Tom".

Si è provveduto immediatamente chiudendo ponti (via Vittorini e via dell'Aviazione) e strade (via Licata e via Fantoli), ammassando sacchi di sabbia lungo le rive della periferia Est della città, da via Palmanova fino a Ponte Lambro.

Ma la situazione più critica è in Brianza dove ben dieci famiglie di Renate sono state costrette a lasciare le proprie abitazioni trovando ospitalità in parrocchia.

Su You Reporter trovate accurati video reportage della situazione a Monza e Renate.

Alle 5.30 del mattino di ieri  – informa Repubblica – il Seveso superava 108 centimetri, per poi salire rapidamente a 148 e 188 centimetri fino oltre i 3 metri, quando il fiume è fuoriuscito allagando viale Cà Granda, in zona Niguarda.

La situazione di emergenza è rientrata alle 8, non appena i tecnici hanno aperto le saracinesche delle fognature permettendo, così, alle acque di rifluire.

La situazione è ancora allarmante e sotto stretta osservazione considerate le previsioni meteo che non lasciano ben sperare, almeno fino a domenica.

Rimane, però, da chiedersi di chi sia la responsabilità e se sia accettabile il fatto che emergenze di questo tipo si verifichino puntualmente a ogni abbondante precipitazione? 

Marco Maria Donzelli del Codacons – riporta il Corriere -non sembra avere dubbi circa le responsabilità di esondazioni e allagamenti:

"La responsabilità è di chi non fa investimenti in canali scolmatori, vasche d'esondazione, pulizia degli alvei e delle fognature. Non siamo di fronte a casi eccezionali, ma ad eventi che si ripetono da decenni".


0 Post correlati Stazione Centrale, attive le tende riscaldate della Protezione civile per i senzatetto Studenti contro il Governo e il Ddl Gelmini, caos anche a Milano: le foto del corteo Scandalo Santa Giulia, niente patteggiamento per Giuseppe Grossi ‘per colpa’ di 50 Rolex Anniversario di Piazza Fontana, contestati Moratti e Podestà: foto del corteo “

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche