×

Gruppo di attivisti imbratta le sedi di Pdl, Pd e Lega in memoria di Carlo Giuliani: il video della rivendicazione

Condividi su Facebook

A nove anni dalla morte di Carlo Giuliani, ucciso il 20 luglio 2001 durante gli scontri a margine del G8 di Genova, c'è chi "non dimentica" e punta il dito contro PD, PDL e Lega Nord in quanto "complici e mandanti di tutte le violenze subite dai manifestanti di Genova, dell’uccisione di Carlo, delle mattanze alla Diaz,della macelleria messicana a Bolzaneto".

Il virgolettato proviene dal blog dei "Corsari-Milano", gruppo di attivisti che due notti fa ha imbrattato come segno di protesta le sedi di Pdl, Lega Nord e Pd.

I corsari hanno rivendicato l'azione con un video tuttora visibile su You Tube e sul blog del gruppo ma che il vicesindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato chiede – riporta il Corriere – venga oscurato:

"Non contenti di avere imbrattato sabato scorso un edificio privato di piazza Vetra, i prodi Corsari, con la scusa della ricorrenza della morte di Carlo Giuliani, sono tornati all'arrembaggio con deliranti scritte contro diversi partiti, tra cui oltre al Pdl anche il Pd e la Lega definiti "assassini".

E lo show di quello che sarebbe sbagliato definire semplicemente una bravata è immortalato sul blog. Chiedo al ministro dell'Interno Maroni quando verrà oscurato quel sito che funge da vera istigazione a delinquere e da sussidiario per le azioni antagoniste di centri sociali e no global che strizzano l'occhio all'area anarco-insurrezionalista".

Di seguito il video della rivendicazione:

I corsari scrivono sul loro blog:

"Voi, PD, PDl e LEGA NORD eravate complici e i mandanti di tutte le violenze subite dai manifestanti di Genova, dell’uccisione di Carlo, delle mattanze alla Diaz, della macelleria messicana a Bolzaneto.

Tu, Pd, che, hai preparato e messo a punto il G8 2001 di Genova, supportando l’allora governo Prodi, che hai fatto vedere al mondo intero quale era la tua idea di organizzazione e gestione dell’ordine pubblico con il Global Forum di Napoli, che tramite il tuo ministro dell’interno Bianco hai messo in atto il primo e vero pestaggio collettivo nella caserma Raniero, che con l’ambigua figura di Minniti hai immediatamente espresso vicinanza e solidarietà a De Gennaro, accusato per la gestione di Genova e le bugie sulla Diaz.

Tu, Pdl, che hai gestito l’ordine pubblico del G8 di Genova, impartendo le cariche in via Tolemaide, manganellando uomini e donne inermi in Piazza Manin, che con le figure losche di Scajola, ministro dell’interno, e Gianfranco Fini, vicepresidente del Consiglio, hai ucciso Carlo, rendendoti colpevole di uno degli omicidi piu’ sporchi e biechi degli ultimi anni, che hai eretto per le strade di Genova cancelli , divieti e zone rosse come se fosse una guerra, che hai architettato ad hoc la mattanza nella scuola Diaz.

Tu, Lega Nord, corresponsabile e partecipe delle idee folli di gestione del governo Berlusconi di cui tu facevi parte, spingendo con le tue idee destrorse, xenofobe e securitarie ad una visone della giustizia meramente militare e criminale, che con il tuo ministro alla Giustizia, Roberto Castelli, facevi capolino da Bolzaneto, caserma tristemente nota per pestaggi, torture e insulti omofobi, razzisti e sessuali.

Non possiamo dimenticare tutto cio’, non possiamo far finta di non sapere
e di non aver visto. Le vostre mani sono sporche di sangue e noi siamo venuti qui, nelle vostre sedi a ricordarvelo. Ricordare che nonostante i processi, le accuse, le assoluzioni e magagne giudiziarie, noi conosciamo i colpevoli di Genova 2001, conosciamo i vostri nomi, i vostri volti, sappiamo quali sono state e quali sono ora le vostre colpe"
.

I corsari concludono minacciosi il comunicato:

"Anche oggi, a nove anni da quei giorni, a Milano, noi non abbiamo paura, rivendichiamo con forza le nostre scelte e le nostre azioni, e andiamo avanti con tutta la forza e la determinazione che abbiamo in corpo.

CARLO E’ VIVO, I MORTI SIETE VOI! NON E' LA PRIMA VOLTA…SE ANCORA NON L'AVETE CAPITO:POSSIAMO 'VENIRVI A TROVARE' QUANDO E DOVE VOGLIAMO!"

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche