×

Omar Pedrini presenta “La Capanna dello zio Rock” : la nostra videointervista

Condividi su Facebook

A quattro anni di distanza dal suo ultimo album, Omar Pedrini esce il 22 giugno con “La Capanna dello zio Rock” , un album che celebra il ventennale della sua carriera.

“La Capanna dello zio Rock” contiene brani della sua carriera solista, alcuni successi dei Timoria – per chi non lo sapesse la band di cui faceva parte anche Renga -, e due inediti “Zio Rock” e “Il figlio del vento”.

Quest'ultima canzone fa parte della colonna sonora del film di Pupi Avati “Il figlio più piccolo” in cui Omar ha recitato un cameo.

Noi di Milano 2.0 abbiamo partecipato alla presentazione de “La Capanna dello zio Rock” svoltasi nell'enoteca N'ombra de vin in via san Marco 2, non a caso essendo Omar un amante del vino, della tradizione, della terra.  

Il nome stesso dell'album evoca quelle che sono le sue due passioni: la terra e la musica.

E' stata la nostra prima volta in compagnia di Omar Pedrini ed è stata una prima volta speciale, da ricordare, perché Omar oltre a essere un grande poeta e musicista, è una persona speciale, come dimostra la nostra videointervista.

Di seguito il video:

Un pezzo di terra, una compagna, dei figli, la felicità…  questo è il futuro di Omar che si dice finalmente un uomo soddisfatto, nonostante la vita con lui non sia sempre stata facile, soprattutto di recente con la morte della madre e la fine della sua storia d'amore con Elenoire Casalegno.

Ma Omar del resto sa chela chiave della sua felicità sta nella musica, e lo sa da quando a cinque anni ricevette da sua nonna  una chitarra, insieme a una frase che ha segnato il suo futuro: “Ricorda… con la musica non sarai mai solo”.

"La Capanna dello zio Rock" è un disco da ascoltare sorseggiando un calice di vino… possibilmente lontano dal caos della città, in campagna proprio come ci insegna Omar.


"La Capanna dello zio Rock"
a partire da sabato 26 giugno sarà in vendita anche in enoteca insieme a una Magnum (1,5 lt) della Barbera Montebruna di Braida.
 

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche