×

Expo 2015, Comune e Provincia valutano la proposta di adesione alla newco per l'acquisizione dei terreni

La Giunta del Comune di Milano ha deliberato l’avvio delle procedure per valutare la fattibilità tecnico-economica della adesione/costituzione  alla  società  interamente  pubblica  promossa dalla Regione Lombardia lo scorso 31 maggio, per consentire la messa a disposizione delle aree destinate alla realizzazione del sito Expo 2015 nei tempi richiesti dal Bie.

E i tempi stringono, avendo Il Bureau International des Expositions anticipato ad ottobre (invece che a fine anno) il termine ultimo per la consegna dell'attestato di disponibilità delle aree.

Per definire il percorso, le modalità  e gli  strumenti utili all’acquisizione delle  aree  che ospiteranno l’Esposizione Universale del 2015 il Comune di Milano, la Provincia di Milano e la Regione Lombardia hanno istituito un tavolo di lavoro.

La delibera del Comune va ad aggiungersi a quella della Regione Lombardia, promotrice dell'iniziativa.

L'idea della costituzione della newco compartecipata da Regione, Comune e Provincia, la società che dovrebbe procedere all'acquisto del terreno da 200 milioni di euro di proprietà della famiglia Cabassi e della Fondazione Fiera, è frutto della mente di Roberto Formigoni.

Riporta il comunicato dell'Ufficio Stampa del Comune di Milano:

"La  Regione Lombardia, con la delibera di Giunta regionale n. IX-83 del 31 maggio scorso, ha approvato  la  proposta  di  progetto di legge volta a promuovere  la  costituzione  di una società per azioni, con sede a Milano, finalizzata ad agevolare  l’acquisizione  delle  aree  del  sito, così da consentire  la  tempestiva realizzazione delle opere, secondo il dossier di registrazione  predisposto  dalla  società  Expo 2015 S.p.A.

, e contribuire allo stesso tempo alla loro valorizzazione dopo la chiusura dell’evento".

Leggi anche

Contents.media