×

Novaceta di Magenta: intervista esclusiva di Milano 2.0 a uno degli operai sul tetto

Condividi su Facebook

Su Milano 2.0 avete trovato spesso racconti di aziende occupate in difesa del posto di lavoro, perso o a rischio per colpa della crisi. La scorsa settimana vi abbiamo parlato della Maflow di Trezzano sul Naviglio (qui tutti i video della manifestazione del 13 gennaio scorso), della Lares di Paderno Dugnano (trovate qui video e foto del presidio) e della Phonemedia (qui trovate tutte le testimonianze dei lavoratori).

Il 12 gennaio una quarantina di lavoratori della Novaceta, a Magenta, che già da tempo avevano allestito un presidio, hanno occupato l'azienda proclamando il presidio permanente. Poi dieci operai sono saliti sul tetto, dove hanno montato una tenda e fissato le bandiere della Cub, per impedire che vengano portati via i macchinari.

Solito copione: gli operai vengono licenziati non per colpa della crisi, ma per colpa delle speculazioni e degli interessi privati.

Le commesse c'erano anche in questo caso, come per la Lares. Raccontano gli operai al Corriere:

"I capi reparto ci mostravano pile di ordini da evadere, ma la proprietà non ordinava la materia prima. I clienti che si presentavano in azienda a chiedere spiegazioni venivano allontanati con una scusa"

La Novaceta si occupa di produzione di filo acetato e le attività si sono fermate definitivamente un anno e mezzo fa, dopo numerosi cambi di proprietà e cessioni dei rami d'azienda.

I 200 operai sono in cassa integrazione fino al 4 aprile.

Siamo riusciti a raggiungere telefonicamente Paolo Chianura, uno degli operai del presidio sul tetto. Ascoltate qui sotto la nostra intervista (le foto del video sono state tratte dal sito della Cub).

Leggi anche

Contents.media