×

Buon anno a tutti… nel segno di David Beckham

Condividi su Facebook

Buon anno a tutti. Cosa cambierà nel calcio milanese rispetto all'anno scorso? Poco, pochissimo. Intanto il Milan riprenderà ad allenarsi questo pomeriggio a Milanello. Nel frattempo vale la pena tornare su qualcuna delle parole di David Beckham, cavallo di ritorno in casa rossonera.

Questo è uno che 'vede' il gioco come pochi. Un ritorno che appare perfino troppo casuale per essere volutamente pensato da una dirigenza, quella del Milan, che in questi anni ha lavorato attivamente per… affossare la squadra. Dall'inglese, inappuntabile come sempre, solo belle parole per il club di via Turati, facendo un paragone con la squadra di un anno fa: "Il Milan è cambiato molto è vero, ma lo spirito, la base dei grandi Club come il Milan e come il Manchester United non cambia.

Il Milan è sempre il Milan. E' vero non c'è più una guida importante come Paolo Maldini, un capitano carismatico e di grande personalità, non c'è più il miglior calciatore al mondo come Kakà e anche l'allenatore è cambiato, ma il gruppo è sempre un grande gruppo, motivato e pieno di entusiasmo. Io sono fiero e orgoglioso di giocare con questi grandi campioni". Buon anno a tutti. Cosa cambierà nel calcio milanese rispetto all'anno scorso? Poco, pochissimo.

Intanto il Milan riprenderà ad allenarsi questo pomeriggio a Milanello. Nel frattempo vale la pena tornare su qualcuna delle parole di David Beckham, cavallo di ritorno in casa rossonera. Questo è uno che 'vede' il gioco come pochi. Un ritorno che appare perfino troppo casuale per essere volutamente pensato da una dirigenza, quella del Milan, che in questi anni ha lavorato attivamente per… affossare la squadra. Dall'inglese, inappuntabile come sempre, solo belle parole per il club di via Turati, facendo un paragone con la squadra di un anno fa: "Il Milan è cambiato molto è vero, ma lo spirito, la base dei grandi Club come il Milan e come il Manchester United non cambia.

Il Milan è sempre il Milan. E' vero non c'è più una guida importante come Paolo Maldini, un capitano carismatico e di grande personalità, non c'è più il miglior calciatore al mondo come Kakà e anche l'allenatore è cambiato, ma il gruppo è sempre un grande gruppo, motivato e pieno di entusiasmo. Io sono fiero e orgoglioso di giocare con questi grandi campioni".

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche