×

Al via a gennaio la sperimentazione del "controllo del vicinato", con la benedizione del Comune

Condividi su Facebook

Se le ronde han fatto flop arriva una nuova iniziativa per la sicurezza-fai-da-te: l'assessore regionale Stefano Maullu, del Pdl, prendendo spunto dal Neighbourhood Watch ha lanciato il "controllo di vicinato". In pratica i sindaci potranno affidare direttamente ai cittadini, alle associazioni di categoria e agli amministratori di condominio il compito di fare da "sentinella".

Ne avevamo parlato già qualche settimana fa.

Basterà un cartello con slogan come "Questa è una zona sotto il controllo del vicinato" o "Attento, in questo quartiere c'è chi ti osserva ed è pronto a chiamare la polizia" per scoraggiare eventuali malintenzionati?

Maullu spiega:

"Rispetto alle ronde è una maniera diversa di coinvolgere le persone sul tema della sicurezza creando l'abitudine di rivolgersi alle forze dell'ordine. Perché ogni reato represso è comunque già stato commesso.

Basta con i finanziamenti a pioggia: è arrivato il momento di premiare le amministrazioni più virtuose. Non mi piacciono i Comuni che preferiscono chiudersi a riccio in un fortino, dobbiamo fare in modo di rafforzare il rapporto tra i cittadini e le forze dell’ordine, in primo luogo la polizia locale"

I Comuni che aderiranno al progetto otterranno dalla Regione Lombardia un punteggio maggiore nell'assegnazione delle risorse sulla sicurezza. Il progetto partirà a gennaio nei quartieri Baggio, San Siro e Affori, per poi estendersi a Buenos Aires e Paolo Sarpi.

Basterà annotare targhe di macchine 'sospette', affacciarsi se un cane abbaia o se in zona si aggira qualche faccia poco rassicurante (con che criterio una faccia è 'poco rassicurante'?). Dulcis in fundo, si potrà anche denunciare la presenza di un clandestino nel vicinato. Proprio come accadrà a Coccaglio (Bs) o a San Martino dall'Argine nel mantovano. Tutto andrà segnalato alle forze dell'ordine.

Il consiglio che l'associazione promotrice lancia è uno solo:

"Non sono richiesti né eroismi né particolari competenze: presta maggiore attenzione a ciò che avviene nella tua zona e nelle strade"

Che poi, a ben vedere, è una regola basilare di convivenza civile, se non fosse che spesso l'Italia, scrive Rita Pani, è quel paese in cui quando muore qualcuno ammazzato in un condominio "nessuno ha mai visto nulla" o si liquida tutto con un sempreverde "era così una brava persona/famiglia".

Questione 'delazione dei clandestini' a parte (molto discutibile), che dire in genere dei cosiddetti rapporti di "buon vicinato"?

Sembrerebbero già non essere di per sè idilliaci: basti guardare il numero di cause per contenziosi condominiali. E se si denunciassero i vicini per ripicca personale come scrivono Julienews e BeppeGrillo? Che dire poi del 'paranoico' di cui parla Loranablog? Di sicuro la Polizia nei quartieri in cui si istituirà il "controllo del vicinato" avrà il suo bel daffare.

Leggi anche

Contents.media