×

Viados e trans a Milano, le vie del sesso da Zara a Centrale: tra i clienti calciatori, imprendi­tori, giornalisti e politici

Condividi su Facebook

Il caso Marrazzo ha riportato alla ribalta il mondo della prostituzione trans. Non si sa perchè ma il messaggio che si è letto tra le righe, e che è arrivato alla gente, è che se si frequentano prostitute è tutto 'normale', mentre se si frequentano trans è tutta una questione diversa.

Ma sempre di compravendita del proprio corpo si tratta.

Il Corriere ha fatto un viaggio nel mondo delle trans milanesi partendo da Viale Abruzzi:

"Scuote i capelli lunghi, bion­di, e si muove come una femme fatale, mettendo in mo­stra un décolleté a dir poco ap­pariscente. Ma quando l'avvici­ni scopri che le cose non stan­no proprio così: è alta 1,88 con due spalle che sembrano ante di un armadio e ha la voce da baritono.

E' un viado. Si chia­ma Samantha, ha 28 anni, è di San Paolo. Della stessa città an­che Julia, che le sta accanto. Ventitré anni, due piccoli occhi azzurrissimi e l'obbligo di fir­ma in tasca, perché è appena uscita di prigione. Fanno sesso in strada a tariffe basse. Ma an­che in casa, se i soldi aumenta­no. Se la prestazione è partico­lare e se c'è il cliente che vuole sniffare coca"

Non vogliono essere identifi­cate come prostitute:

"L'equa­zione transessuale = puttana a noi non va giù.

Ma per essere donne in tutto bisogna avere cura del pro­prio corpo e di come ci si veste. Le gambe, ad esempio, per far­ne sfoggio bisogna indossare calze velatissime. Soprattutto si deve evitare di acquistare quel tipo di indumenti che le mie amiche chiamano 'roba da mignotte'. Il trucco, poi, è un rito importante nell'abbando­no del lato maschile, una sorta di alchimia che cancella ogni traccia"

Ma chi sono i clienti?

Si va dai comuni mortali a calciatori, imprendi­tori, giornalisti e politici.

I contatti avvengono so­prattutto via internet dove le trans hanno i loro siti.Dopo la vicenda dell'ex governatore della Regione Lazio

"Adesso hanno ti­more che qualche nome impor­tante esca allo scoperto. Certo, più l'habitué è noto e più la ta­riffa sale: deve pagare la presta­zione e il nostro silenzio. Dopo lo scandalo romano, per un po' ci snobberanno, ma poi torna­no. Noi siamo bellissime e in­quietanti, il giusto compromes­so tra i sogni perversi e la fem­minilità prorompente"

Oltre a viale Abruzzi i viados sono da viale Certosa a via Novara, al Monumentale, a piazzale Lago­sta, viale Zara, via Melchiorre Gioia, via Restelli, via Sammar­tini e via Napo Torriani.

Le tariffe variano a seconda della prestazione: 30 euro dietro un cespuglio, 50 in auto. In appartamento servono da 100 a 200 euro. In media gli incontri al giorno sono 7 o 8.

Perchè a molti uomini piaccia tanto il sesso strano poi è tutto un altro discorso. Il motivo principale, confermato sia dai clienti (come sul blog Libero Donna) sia dalle trans stesse (come quella intervistata dall'Infedele) sarebbe la maggiore disponibilità, gentilezza e attenzione che le trans dedicano ai loro clienti, insoddisfatti o trattati male dalle loro compagne (leggete anche l'articolo di Panorama). Le donne insomma secondo alcuni non saprebbero più tenersi gli uomini. Cosa ne pensate? Di sicuro regna ancora molta ipocrisia.

Leggi anche

Contents.media