×

Problema carceri: se a San Vittore c'è sovraffollamento a Bollate c'è un intero padiglione vuoto

Condividi su Facebook

Due carceri molto vicini quelli di San Vittore e Bollate: da una parte abbiamo il carcere cittadino, un cui ci sono due reparti chiusi per le ristrutturazioni. Se non arri­veranno i finanziamenti, rimarran­no chiusi a lungo, e quindi non c'è più spazio per 700 unità (a San Vittore ci sono circa 1.450 detenuti come riporta il Corriere).

Dall'altra parte c'è il carcere di Bollate, dove da mezzo an­no è pronto un padiglione da 350 posti con due sezioni da tre piani ciascuna, ma siccome mancano gli agenti (il ministero ne ha mandati solo una ventina) sono operativi solo i due primi piani.

E come fanno presente i sin­dacati della polizia penitenzia­ria, tra poco c'è la possibilità che chiudano anche quelli, perchè le guardie saranno desti­nate altrove o decideranno di tornare al Sud (foto Corriere).

Proprio quel padi­glione di Bollate è costato oltre 10 milioni ed è stato creato per ospitare collabora­tori di giustizia, stupratori e pedofili, prima che la legge carceraria non scritta faccia il suo corso.

Bollate, come scrive il Corriere, è un istituto modello situato fuori città e che mette in atto moltissimi progetti di recupero per i detenuti.

Ci si chiede però quando diventerà com­pletamente operativo il padi­glione di Bollate e quando il Go­verno troverà una soluzione.

I sindacati avevano scritto al ministro della Giustizia Angelino Alfano:

"l'annunciata apertura del nuo­vo padiglione sembra essere su­bordinata all'invio in missione di personale extraregione. Il ri­schio concreto che avvertiamo è che quel personale non arri­vi"

Leo Beneduci, a capo del sindacato Osapp, commenta con un "siamo in mare di guai" che ci sta proprio bene come commento alla propostadel Gover­no di "carceri galleggian­ti" (cittadelle al largo di città portuali…come Alcatraz praticamente).

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche