×

Ancora troppo amianto in città e non solo nelle case Aler: 212 le strutture a rischio

Condividi su Facebook

Intanto che a Torino si apre il processo contro Eternit come racconta Torino 2.0, a guardare la mappa del Corriere vengono i brividi: sono ancora tanti i siti in città non bonificati dal maledetto amianto. E si tratta di ospedali, scuole, chiese, impianti sportivi e ancora le case popo­lari di cui vi abbiamo parlato molte volte.

Oltre allo stabile di via Feltrinelli 16 (avevamo intervistato Oscar, il portavoce delle "White" di Rogoredo) vi avevamo parlato anche di via Russoli. Alchè Comune e Aler avevano deciso di attivare una serie di interventi da 13milioni di euro in 4mila alloggi sparsi tra le vie Palmanova, San Dionigi, Olivelli, Porro Lambertenghi, Paravia, Rizzoli, Sestini, Santi, Monterotondo, Larici, Mazzolari, De Pretis e Appennini.

Ma ci sono altre 212 strutture pubbliche che con­tengono amianto e che per la maggior parte devono an­cora essere ripulite o messe in sicurezza.

Non parliamo poi dellla Provincia dove sono 1.474 le strutture pubbli­che e private non bonificate.

Alcuni lavori sono stati già av­viati (o conclusi), ma come spiega il Corriere il rischio amianto va va­lutato caso per caso perchè dipende

– dallo stato di conservazione del materiale
– dall'esposizio­ne

A otto­bre 2008 si parlava di 481 mila metri cubi di fibre velenose. Sono molte meno rispetto alla sti­ma di 2 milioni e 800 mila metri cubi, ma non si può certo tirare un sospiro di sollievo.

Per cui il 2015 non è solo il termine per Expo, ma anche per l'operazione "amanto zero". Per adesso si continua con il censimento (22 mila notifiche nel 2008) e con l'attività di controllo sui can­tieri (1.451 ispezioni e quasi 11 mila pia­ni di bonifica notificati -dati del 2007-).

Una volta tolto però c'è un altro problema: lo smaltimento. Sperando che non lo seppelliscano in giardino come per le case popolari di via Tommei c'è da tenere presente la questione costo (dai 10-15 euro a metro quadrato a 40-50 mila euro) e la questione del posto dove metterlo una volta bonificato (l'unica discarica che c'è, in Provincia di Mantova, è or­mai satura).

Spesso una par­te del materiale viene portato in altre discariche d'Italia o in Germania, e quindi i costi di smaltimento lievitano.

Ma le vite umane non hanno prezzo, e di amianto si continua a morire.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche