×

E' giallo sullo studente in gita a Milano che è andato in coma dopo un malore

Condividi su Facebook

UPDATE! 3 aprile
E' stato autorizzato l'espianto degli organi, il ragazzo è stato trasferito in un'altra struttura

UPDATE! h.12.00
Non ci sarebbero più speranze per il ragazzo, è stata diagnosticata la morte cerebrale

E' giallo sul malore di un 18enne che ieri pomeriggio si è accasciato sotto i portici di corso Vittorio Emanuele.

Era in gita con la sua classe, una quinta superio­re di un istituto tecnico di Mon­tefiascone (Viterbo).

Nel po­meriggio, dopo una sosta in parco Sempione, avevano fatto una passeggiata verso il centro città. "Non mi sento bene, c’è qualcosa di strano" ha detto, ed è stata avvisata la professoressa che era con loro.

Lo studente è stato colto da un forte mal di testa e da difficoltà respiratorie ed è stato accompagnato dai compagni in un bagno del McDonald's.

Le insegnan­ti hanno pensato che avesse bevuto troppo, ma nello zai­no c'erano solo due lattine di Coca Cola. Quando è uscito dal bagno si è accasciato a terra. 

L'ambulanza lo ha trasportato al pronto soc­corso, ma qual­che ora le sue condi­zioni si sono aggravate: intorno alle 19 il ragazzo è entrato in coma cerebrale per colpa di un'emorragia ed è stato trasferito in condizioni gravissime nel reparto di riani­mazione.

Gli agenti della polizia hanno ascoltato i raccon­ti delle insegnanti e di alcuni compagni di classe e gli studenti avrebbero spiegato che durante una lunga sosta in auto­strada, e nel corso del pome­riggio, avrebbero bevuto varie birre e fumato hashish (un pezzetto gliene è stato trovato in tasca).

Il primo bollettino medico ha parlato inizialmente di "al­terazione di coscienza" e in seguito a esami clinici è stata scoperta una "grave malformazione arterio-vascola­re alla testa". Nessuno sapeva che soffrisse di questa malat­tia, e forse nemmeno lui lo sapeva.

Per ora è im­possibile sapere se alcol, stanchezza e droga abbiano contribuito a provocare il malore. Intanto i genitori dello studente stanno arrivando a Milano.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche