×

Inquinamento, altre due giornate di record negativo per Milano. Il Comune continua a difendere Ecopass

Condividi su Facebook

Le cattive notizie sul fronte inquinamentocontinuano. Dopo la notizia del "premiocapitale europea dello smog" di ieri arrivano i dettagli sui rilevamenti delle centraline dell'inquinamento. Lunedì in Città Studi sono stati rilevati 171 microgrammi per metro cubo di Pm10 (tre volte la soglia di attenzione di 50 microgrammi) e ieri .

Ieri 204 microgrammi in via Senato, 187 a Città Studi e 189 al Verziere.

Come se non bastasse fino a venerdì le condizioni meteo saranno favorevoli perl'accumulo degli inquinanti.

Sotto accusa ovviamente Ecopass: il Comune non si fa prendere dal panico e lo difende 

"Quella contro l'inquinamento è una strada lunga. Abbiamo ancora del cammino da fare ma Ecopass ha funzionato e i risultati positivi ci dicono che la strada è quella giusta.

Proseguiremo la battaglia con Ecopass e le altre politiche per la qualità dell'aria"

Rispetto alle promesse però (- 30% di polveri) i risultati sono di molto inferiori (-19%) anche se si è ridotto il traffico (-14,4%).

Gli ambientalisti continuano a chiedere un'estensione del ticket, ma An e Forza Italia vogliono prima vedere i risultati del referendum.

Giulio Gallera e Marco Osnato puntualizzano

"Ecopass ha dato risultati positivi in termini di fluidità del traffico e aumento dei passeggeri del trasporto pubblico.

Sapevamo fin dall'inizio che non avrebbe potuto avere grandi effetti sull'inquinamento, ma bisogna continuare. Il merito più tangibile è di aver dato grande slancio al trasporto pubblico"

La Lega invece boccia il provvedimento così com'è e chiede direttamente la chiusura del centro e targhe alterne.

Carlo Monguzzi dei Verdi attacca

"La Moratti è a lutto per Glisenti; Formigoni se l'è data a gambe e ha lasciato la patata bollente al giovanissimo assessore Ponzoni, ma è urgente intervenire con il fermo reale dei 150mila veicoli commerciali diesel già fuorilegge e il blocco domenica delle auto"

E per Enrico Fedrighini bisogna

"insistere e potenziarlo perché altrimenti perderà efficacia.

Prima ancora che l'area di applicazione è necessario estendere le classi di veicoli paganti"

Roberto Formigoni ha già fatto presente che tocca ai sindaci

"far rispettare con adeguati controlli in particolare il divieto di circolazione per i mezzi inquinamenti e il corretto utilizzo degli impianti di riscaldamento"

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche