×

La circolare e una delibera incombono sulle sorti della linea 4, ecco la situazione ad oggi delle nuove metrò

Condividi su Facebook

La circolare del Ministero del Tesoro, che ridefinisce il patto di stabilità e rischia di bloccare i 125 milioni d'investimenti in infrastrutture ricavati dalla dismissione degli immobili comunali sta creando più problemi del previsto (immagine tratta dal Corriere). Specialmente alla linea 4 del metrò, come vi avevamo già annunciato.

Come se non bastasse ci si mette anche una delibera della giunta: si tratta della gara per l'individuazione del partner privato nella società di gestione della M4.

Ad ora si sono pre-qualificate tre imprese. Il testo sarà firmato appena possibile, ma prima bisognerà accertarsi che i soldi ci sono. Soldi messi appunto in discussione dalla circolare Tremonti. Un gatto che si morde la coda in poche parole.

Manchino ancora 2,3 miliardi per treni e gallerie come spiega il Corriere.

Le linee metropolitane sono "sia una priorità per gli obblighi internazionali che una necessità anti-traffico" come spiega l'assessore Croci. Il sottosegretario Castelli dice che i fondi ci sono e arriveranno.

Bisogna anche muoversi perchè bisogna costruire prima dell'Expo ben tre nuove linee più alcuni prolungamenti.

La linea 4 è divisa in due tranche: 790 milioni per la prima tratta (13 stazioni da San Cristoforo al Policlinico) che già ci sono e  910 milioni per la seconda tratta (8 stazioni da Lorenteggio a Linate) che vanno ancora stanziati.

La linea 5 invece procede: si stanno scavando le 9 stazioni da Garibaldi a Bignami. Da Garibaldi a San Siro invece mancano 657 milioni.

La linea 6 costa 1,6 miliardi: 870 milioni sono stati collegati ai fondi Expo.

Devono arrivare i 30 milioni per il raccordo della linea rossa da Sesto a Monza-Bettola.

Gli altri due prolungamenti del metrò sono invece in fase di progettazione: la tratta Cologno-Vimercate e San Donato a Paullo (vanno confermati i finanziamenti da 533 e 800 milioni e sbloccate le procedure).

Entro 2010 la consegna delle quattro nuove fermate da Dergano alla Comasina ed entro fine anno i due terminal di Assago.

Ma a parte i soldi il vero cruccio delle linee metropolitane è la burocrazia.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche