×

Ancora "pandillas", le gang latine: due minorenni sudamericani accoltellati

Condividi su Facebook

Non si può fare a meno di pensare alla "guerra tra gang" quando si leggono fatti di questo tipo: aggressioni, spesso con armi da taglio, perpetrate ai danni di sudamericani da parte di altri sudamericani, di solito molto giovani.

Aumentano infatti le vicende di cronaca legate a "sgarri" o "regolamenti di conti" fra le diverse band della città, spesso piccole branche di quelle americane più grandi e più diffuse.

Avevamo già sottolineato come l'entrare a far parte di una gang sia legato al desiderio di appartenenza a un gruppo e a un determinato gruppo etnico legato alla terra d'origine della propria famiglia.

Questo perchè ci si sente esclusi dalla società del nostro Paese, per colpa delle difficoltà di integrazione, del razzismo o della diffidenza in generale nei confronti dello "straniero".

Le gang più conosciute sono i Latin Kings, la Mara Salvatrucha, o MS-13, i Commando e la Ms18.

E spesso per entrare a farne parte bisogna superare "prove" di iniziazione come rapine o spedizioni punitive nei confronti di membri di gang rivali.

Al momento pare che i Chicago abbiano scatenato una vera guerra contro la Mara Salvatrucha.

Gli ultimi episodi (qui tutti gli altri) riguardano un 15enne di origini ecuadoriane e un ragazzo di 16 anni, anche lui sudameri­cano.

Il primo è stato accoltellato all'addome la notte scorsa al termine di una lite con altri sudamericani fuori dalla discoteca Musicdrome, in via Paravia, dove era andato con una cugina e un amico.

Gli inquirenti non escludono la pista del regolamento di conti tra bande rivali.

Qualche giorno fa invece il secondo ragazzo è stato picchiato e accoltellato su un autobus della linea 91 da un gruppo di ragazzi sudamericani all'altezza di viale Abruzzi. Lo hanno accerchiato e lo hanno fatto scendere dal mezzo.Anche qui gli inquirenti non escludono la pista della gang. Anche perchè sempre nella stessa zona c'erano numerosi stati fatti analoghi.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche