×

Il caos derivati esplode in Comune: il Pd denuncia la Moratti per irregolarità

Condividi su Facebook

Non accenna a placarsi lo scandalo dei derivati che ha colpito Comune di Milano. Il problema dei derivati, unito a quello dei mancati introiti dell'Ici e dell'impennata delle bollette rischia di mettere a dura prova le condizioni delle casse comunali.

Mancano infatti molti soldi e bisognerà recuperarli in qualche medo senza però caricare i cittadini di tasse o aumentare i costi dei servizi: si può e si deve solo tagliare. Il Comune si sta già muovendo in questa direzione per studiare la soluzione migliore.

Intanto però Affaritaliani riporta che il Pd ha denunciato la Moratti. Il consigliere del Pd Davide Corritore ha dichiarato che

"E' stato depositato un esposto alla Procura Generale della Corte dei Conti della Lombardia, in relazione al collocamento del bond comunale avvenuto nel 2005  e alle operazioni in strumenti finanziari derivati poste in essere durante i mandati dei Sindaci Albertini e Moratti.

Nell'esposto redatto dallo studio legale Nespor sono stati denunciati numerosi profili di illegittimità e violazioni normative relative alle operazioni finanziarie poste in essere negli ultimi tre anni, illegittimità originate da comportamenti gravemente negligenti degli organi comunali e dei dirigenti responsabili"

Anche se in realtà l'operazione era stata iniziata dall'ex sindaco Gabriele Albertini anche la Moratti ha la sua bella gatta da pelare. Ecco cosa ha aggiunto

"In particolare sono state contestati la modalità di scelta delle banche, effettuata nel 2005 con procedura selettiva mediante trattativa privata anziché con procedura concorsuale pubblica e trasparente; l'esistenza di conflitti di interesse a carico delle banche, per l'indebita coincidenza tra istituti di credito prescelti come consulenti delle operazioni finanziarie e istituti utilizzati per la loro esecuzione; la sottoscrizione di contratti derivati a tasso variabile senza che ciò fosse indicato nell’oggetto della trattativa privata di selezione delle banche; la sottoposizione dei contratti derivati alla giurisdizione inglese, fattispecie reputata nell’esposto inammissibile per un’Amministrazione pubblica italiana; la grave omissione – nei documenti e nei calcoli di convenienza forniti al Consiglio Comunale in occasione della delibera del giugno 2005 – di rilevanti perdite esistenti a seguito di operazioni in derivati stipulate precedentemente"

Quindi sono state occultate le passività.

Ed è contro queste illegittimità che si scontra il Pd

"La lunga serie di illegittimità è stata il frutto di comportamenti gravemente negligenti e continuati degli organi comunali e dei dirigenti responsabili, a seguito dei quali si è generato un ingente danno all’erario comunale, in parte già accertato e in parte posto carico degli anni a venire e delle generazioni future"

L'opposizione quindi ha deciso alla Corte dei Conti di pronunciarsi anche perchè il bilancio del 2009 dovrà sopportare una perdita contabile in derivati sui tassi di interesse superiore ai 15 milioni di Euro (nel 2008 la perdita è stata pari a 12 milioni di Euro).

1 Post correlati Seveso, per evitare le esondazioni servono nuove misure: ma i progetti sono fermi “No Gelmini Day”, le foto del corteo di Milano: danneggiata la vetrina di una banca Enrico De Alessandri si incatena davanti al Pirellone per protestare contro il potere di Comunione e Liberazione Ruby Rubacuori al Karma, insulti dalle coetanee e cori volgari dai ragazzi: le foto “

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche