×

Oggi cortei e lezioni "per bloccare la città". Al Tito Livio scoppia la rissa tra genitori e studenti per sfondare i picchetti

Condividi su Facebook

Oggi gli studenti dei licei (forse si aggiungeranno anche gli universitari) si riuniranno in un corteo. Si sono ritrovati in Largo Cairoli alle 9.30 e saranno diretti a piazza Fontana.

Ecco il percorso come riporta il Corriere: largo Cairoli, via Cusani, via Broletto, piazza Cordusio, via Orefici, via Mazzini, piazza Missori, via Albricci, via Larga e piazza Fontana.

Ci saranno ovviamente deviazioni, limitazioni di percorso e rallentamenti per 18 linee Atm (in centro tra l'altro ci sarà anche il corteo del pubblico impiego che è partito stamani dalla Stazione Centrale).

I ragazzi manifestano al grido di "Io non ho paura" riferendosi alle denunce che alcuni ragazzi hanno ricevuto durante la settimana per interruzione di pubblico servizio e occupazione di suolo pubblico.

Gli studenti della facoltà di Scienze Politiche della Statale prevedono per oggi i cosiddetti "blocchi di studio", dei sit-in non organizzati che complicheranno ancora di più la viabilità, mentre il Politecnico si è dato appuntamento alle 9.00 in piazza Leonardo da Vinci.

Nel pomeriggio presso la facoltà di Lettere e Filosofia della Statale ci saranno ancora lezioni all'aperto.

Ieri intanto era stato occupato il liceo classico Tito Livio con un picchetto. Ma alcuni genitori hanno cercato di sfondarlo.

Erano per lo più i genitori dei ragazzi più piccoli che protestavano perchè i loro figli non potevano entrare a fare lezione. Sono volati insulti e minacce di chiamare la polizia fino alla rissa finale.

La tensione è stata molto alta: i genitori da una parte e i ragazzi dall'altra che bloccavano gli ingressi. Il tutto si è concluso con lo scioglimento dei picchetti. 

Molti si sono espressi però sulla necessità di un dialogo e non di uno scontro fra genitori e ragazzi, come insegnanti, preside e presidente dell'associazione genitori.

Tutto era cominciato con lo sciopero generale del 17 ottobre (qui le foto). Il 21 c'erano stati gli scontri in Cadorna ed erano cominciate le lezioni in piazza.

Il 22 dopo una lezione era partito un corteo terminato in statale con il tentativo di interruzione della didattica. Nuove lezioni nei giorni successivi e il 27 c'era stato un incontro con l'onorevole Antonio di Pietro in Statale. Il 29, in occasione della votazione positiva al senato, erano nati alcuni cortei spontanei e c'era stato qualche scontro (qui le foto). Il giorno dopo grande sciopero generale con cortei autorizzati e non, e qualche infiltrato (qui le foto).

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche