×

Dopo i mesi di attesa per il decreto Expo tra qualche giorno arriva lo statuto della SoGe. Parola del sindaco

Condividi su Facebook

Se tutto va come deve andare, e non ci sono intoppi, non ci vorrà molto per lo statuto di gestione della Soge, la società di gestione dell'Expo 2015.

"Credo di poter consegnare alla presidenza del consiglio, con la quale ho parlato oggi, la bozza di testo per lo statuto entro mercoledì"

Letizia Moratti promette e assicura di avere tutto sotto controllo.

La macchina si è messa in moto quindi. Settimana scorsa c'era stata la prima riunione del Tavolo Lombardia che in realtà aveva svelato problemi urgentissimi da risolvere: tanto per dirne una mancano i soldi per la linea 4 e la linea 5 della metropolitana per cui si prevede presto una nuova mobilitazione (pari a quella per ottenere il decreto e per la nomina a commissario del sindaco) per ottenere i fondi necessari.

Mancano 2,8 miliardi sui 15 miliardi complessivi.

E bisogna adoperarsi per garantire i fondi. Specialmente in questo periodo di tagli e crisi finanziarie. Le opere dei siti Expo sono completamente finanziate, quelle connesse per i collegamenti sono coperte all'80%, mentre le opere scoperte sono quelle necessarie.

Sono previste 500 assunzioni per la Soge che dovrà gestirà ben 4,1 miliardi di euro da destinare alla realizzazione dell'Expo e dovrà essere operativa già da gennaio.

La società avrà due divisioni, una per la gestione dell'evento (900 milioni) e una per le infrastrutture (3,2 miliardi).

Invece per quanto riguarda l'Italia l'Expo garantirà +6.500 posti di lavoro a Roma, +1.660 a Napoli, +5.785 a Venezia e + 570 a Palermo. Solo in Lombardia si parla di +35mila posti di lavoro in più nel settore turistico e la Brianza vedrà +8200 posti, +5.600 a Como, + 10mila a Brescia.

Carlo Edoardo Valli, Presidente della Camera di commercio di Monza-Brianza, ha commentato su Affaritaliani

"Da qui all'Expo del 2015 si aprono numerose nuove prospettive per la Lombardia e per la Brianza per l'intero Paese che se adeguatamente sfruttate potranno generare nuovi posti di lavoro e infrastrutture permanenti. Certo questo processo richiederà un supplementare sforzo di programmazione e concertazione fra soggetti pubblici e privati, nella consapevolezza che da qui al 2015 interverranno numerosi cambiamenti socio-economici destinati a mutare il contesto in cui viviamo"

Nel frattempo rimbalza il toto-nomine per scoprire chifaràcosa

Nella Soge entreranno: Comune di Milano (Glisenti?), Regione Lombardia (Alberto Sciumé?), Camera di Commercio e Provincia di Milano (Valentino Castellani?).

Paolo Glisenti è quasi certo per il ruolo di ad e Diana Bracco è come presidente.

Non è stato ancora chiarito se il cda della Soge potrà essere allargato a sette membri per accontentare Lega e Alleanza Nazionale, per inserire il sottosegretario alle Infrastrutture con delega all'Expo Roberto Castelli e Romano La Russa.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche