×

Si allarga l'isola pedonale a Brera: contenti sia negozianti che cittadini, basta che vengano rispettati gli impegni

Condividi su Facebook

L'assessore alla Mobilità, Edoardo Croci, parla di un vero e proprio nuovo quadrilatero in città: verrà allargata l'isola pedonale di Brera. Se già molte vie sono interdette alla circolazione delle auto, aumenteranno con l'aggiunte dell'ultimo tratto di via Brera, via Ciovasso, via Ciovassino e via Fiori Oscuri.

Tutti in giro o a piedi o in bici

"Un vero quadrilatero per valorizzare ancora di più l'intera area a vantaggio dell'ambiente e della qualità di vita dei cittadini"

Commercianti e abitanti si sono ritrovati a Palazzo Marino e ne hanno parlato a lungo, come racconta Repubblica.

"Abbiamo ricevuto il consenso di tutti: i commercianti, la presidente del consiglio di zona 1 Micaela Goren Monti, i rappresentanti dell'Accademia e della Pinacoteca"

Si va verso una piena riqualificazione della zona.

Ad ora sono circa 300 le auto che nell'ora di punta passano da via Brera.

"Questa sarà l'occasione anche per migliorare l'accessibilità all'Accademia, valorizzare la Pinacoteca e vitalizzare sempre di più il quartiere. Adesso gli uffici dovranno disegnare il progetto definitivo che potrà essere approvato dalla giunta entro la fine dell'anno"

Qualche mese fa infatti c'erano state polemiche sullo stato di abbandono della Pinacoteca.

Ecco gli interventi che sono allo studio:

– nuova pavimentazione

– fioriere

– nuove sedute

– stalli per le biciclette

– una stazione del bike sharing

I commercianti si dicono d'accordo alle modifiche, ma il delegato dell'Unione del commercio, Roberto Montingelli, chiede

"Siamo favorevoli ma soltanto se sarà una vera isola pedonale, non un progetto a metà come quella di corso Garibaldi.

Anche per via Paolo Sarpi avevamo avuto rassicurazioni diverse fin dalla fase transitoria, prima dei lavori di riqualificazione, ma non è stato così. In questo caso le auto non scompariranno del tutto"

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche