×

Dopo gli Ms 13 a Milano colpiscono i Latin Kings…o i loro emuli. Un ecuadoriano è stato preso a martellate da tre membri della gang

Condividi su Facebook

Qualche mese fa era stata la volta della Mara Salvatrucha, o MS-13, la gang che la sera del 13 luglio aveva fatto una rappresaglia punitiva nei confronti di Ricardo, un ragazzo di 22 anni, a cui gli aggressori avevano sfregiato il volto e fatto perdere un occhio.

Dopo i primi due arresti era stato arrestato il capo, il "Pirata".

Ora è la volta di un altro gruppo, i Latin Kings, che solo l'anno scorso avevano firmato un patto della legalità con la Provincia. Tre giovani sudamericani hanno preso a martellate un ecuadoriano di 19 anni perchè non "aveva abbassato lo sguardo". I tre hanno colto il gesto come una provocazione.

I Latin Kings sono nati nel 1940 nella città di Chicago con lo scopo di aiutare i latino-americani immigrati negli Stati Uniti ad avere un futuro migliore.

Hanno una struttura gerarchica, diversamente dalle altre gang. A capo c'è il Re, che è la persona incaricata delle decisioni. In America, come per la Ms 13, sono diffusissimi specialmente a New York e i paesi di provenienza più comuni dei membri sono Ecuador, Perù, Porto Rico e Repubblica Dominicana.

Ci sono però due schieramenti diversi: i Latin Kings pacifici e i Latin Kings violenti. I primi cercano di aiutare la propria gente e usano la forza solamente in caso di necessità o autodifesa, mentre i secondi si dedicano ad attività illegali come il traffico di droghe e armi, rapine, e altro.

Tutto è successo martedì intorno a mezzanotte in viale Monza. Il ragazzo è stato accerchiato dai tre, uno di loro ha tirato fuori un martello ed è stato colpito in testa, mentre gli altri due ragazzi hanno provato a portargli via soldi e cellulare.

Intanto da quelle parti passava una pattuglia di carabinieri ed esercito che ha bloccato la banda. Sono stati arrestati un ecuadoriano di 19 anni, Antonio Rodriguez Ortega Castro (aveva dei precedenti per reati contro il patrimonio), e due 17enni (un ecuadoriano e un peruviano.

Uno era già stato fermato per "possesso di oggetti atti ad offendere" mentre l'altro era incensurato). I tre sono stati accusati anche di tentato omicidio oltre che di rapina.

Il maggiorenne è finito a San Vittore e i due minorenni son finiti al Beccaria sono finiti i due minorenni.

Per quanto riguarda il ragazzo aggredito è stato esclusa l'appartenenza a una gang, anche se in passato sarebbe stato vicino alla gang dei Chicago.

Non si riesce invece a chiarire se i tre aggressori siano davvero affiliati ai Latin Kings.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche