×

Continuano i dubbi sulle ultime ore di vita di Ariberto Necchi della Silva. Si cerca il cinese proprietario del seminterrato

Condividi su Facebook

C'è un buco di parecchie ore nel giallo della morte di Ariberto Luigi Maria Necchi Villa della Silva, il giornalista imprenditore trovato cadavere ieri fuori da un centro massaggi gestito da alcuni cittadini cinesi nel seminterrato di un palazzo in zona Lambrate (foto CronacaQui).

I carabinieri di Milano stanno cercando il cinese proprietario, e in attesa dell'autopsia di domani si cercano di ricostruire le ultime ore di vita dell'uomo. La sua auto è stata ritrovata a 500 metri/un chilometro dal luogo del ritrovamento del cadavere e si è molto lontani dal suo ufficio in piazza San Babila (aveva fondato la Della Silva Communications Consulting). 

Cosa ci faceva in quella zona Necchi? 

Sembrerebbe inoltre che il corpo sia stato "scaricato lì" in un secondo momento perchè nessuno terrebbe un cadavere su uno zerbino per così tanto tempo.

Quasi di sicuro la causa della morte è stato un infarto, dato che l'uomo da poco si era recato in ospedale per alcuni accertamenti visto che era cardiopatico.

Sposato con quattro figli è descritto in maniera eccellente dagli amici. Oltre al lavoro infatti faceva volontariato.

Dopo essere uscito per andare a messa, come aveva detto alla moglie, è scomparso nel nulla. Doveva arrivare alla parrocchia di San Luca in via Ampere, come faceva altre volte.

Alle 19.21 avrebbe risposto al telefono a un amico: hanno parlato di lavoro, del progetto di un libro a quattro mani.

Poi il nulla. Il cellulare ha continuato a suonare a vuoto fino a quando si è scaricato.

Ma il problema è che la morte risale a lunedì pomeriggio.

Dov'è stato tutto quel tempo?

La denuncia era scattata lunedì mattina: la moglie era andata dai Carabinieri a segnalare la sua scomparsa e subito si è pensato a un rapimento, vista la sua posizione, le sue abitudini e il suo lavoro.

CronacaQui riporta cosa non convince gli inquirenti:

"la giacca della vittima era leggermente arrotolata sui fianchi, come se il corpo fosse stato trascinato. E poi, quel cadavere, sostengono i condomini, ieri sera e stamattina all'alba non c'era. L'uomo è scomparso domenica e la morte sembra risalire ad almeno 18 ore prima del ritrovamento: questo può voler dire che qualcuno ha abbandonato vicino al seminterrato il corpo della vittima, che però sarebbe morta altrove"

Dopo la scoperta del cadavere i Carabinieri hanno sfondato la porta del locale del seminterrato e hanno trovato un letto matrimoniale e cinque letti a una piazza.

Dentro non c'era nessuno. In quel seminterrato una volta c'era una sartoria clandestina ma dallo scorso luglio era diventato un centro di massaggi orientali: avevano affisso persino un cartello con l'elenco delle prestazioni e i prezzi. Da qualche mese però quel cartello non c'era più.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche