×

Sono ancora tanti i cantieri infiniti sparsi per la città, ma adesso i negozianti chiedono un risarcimento per i mancati introiti

Condividi su Facebook

Ci mettiamo per un attimo nei panni dei negozianti di Milano che hanno da mesi o da anni un cantiere davanti alla saracinesca. Più volte ci siamo occupati della questione dei cantieri infiniti della città.

Tra i parcheggi di piazza XXV Aprile e di disagi di via Leoncavallo (in foto la situazione a giugno).

Senza dimenticarsi chi ha un'attività in viale Zara. E' proprio il quartiere Isola quello più "martirizzato dai lavori" secondo Repubblica:

almeno fino al 2011, i negozi dovranno convivere con la talpa che sta scavando le gallerie della metropolitana 5: viale Fulvio Testi, Zara, piazzale Lagosta, via Volturno… Operai, deviazioni e un coro unanime di lamenti: «Gli incassi sono dimezzati».

Piazza XXV Aprile, dove eravamo stati più volte è ancora una voragine.

Avevamo incontrato Michele Catapano, proprietario del Bar 25 in proprio nella piazza, uno degli esercizi commerciali più penalizzati dall'apertura del cantiere

Ecco invece il video di via Leoncavallo

E ora dell'Expo ci saranno cantieri su cantieri che apriranno: i negozianti sono preoccupati e chiedono sgravi fiscali per le attività vicine ai lavori pubblici (Ici, della tassa sui rifiuti, di quella per l'occupazione del suolo pubblico o per la pubblicità). L'allarme lo lancia il delegato dell'Unione del commercio per il territorio Giorgio Montingelli

"Tutti vogliamo l'Esposizione, ma non in una città morta perché i negozi sono stati costretti a chiudere"

E insieme hanno preparato una lettera da inviare al sindaco e la prossima settimana verranno raccolte le firme per far partire la richiesta.

I primi a muoversi sono i negozianti di piazzale Lagosta e dintorni, anche per conto di quelli di piazza XXV Aprile e scrivono:

"I lavori della linea 5 hanno da mesi sconvolto la zona. Siamo quindi a richiederle a nome di tutti i commercianti gravemente danneggiati un suo intervento perché dopo Comuni come Monza e Bergamo, anche a Milano si possano applicare provvedimenti che aiutino il commercio di vicinato a superare le difficoltà"

Per il capogruppo del Pd Pierfrancesco Majorino "è giusto rifondere i danni per cantieri che non rispettano i tempi e dobbiamo pensare anche all´ipotesi di defiscalizzazione, ma caso per caso"

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche