×

Notte bianca dell'arte: 42 musei aperti e 3 eventi da non perdere

Condividi su Facebook

Milano capitale dell'arte. Prima (Con)Temporary Art, di cui abbiamo già parlato, poi il MiArt, iniziato venerdì e oggi per completare i festeggiamenti per l'importante vittoria di Expo2015, Milano lascia aperti i suoi 42 musei fino a mezzanotte.

Un'importantissima operazione di valorizzazione del patrimonio culturale della città che sull'entusiasmo da poco conquistato non vuole perdere un altro appuntamento sotto i riflettori.

Certo sono arrivate le critiche, per esempio da Lia Rumma, titolare di una prestigiosa galleria in Italia che ha rifiutato di partecipare all'evento, che dal Corriere della Sera mette un appunto sulla qualità dell'organizzazione e sul profilo internazionale di MiArt.

Ma Milano questa volta si mette in gioco completamente, e a MiArt e a MiTo,il festival musicale in collaborazione con Torino ,  si aggiunge quella che tutti hanno definito la Notte bianca dei musei.

In realtà "Expo Adarte. Viaggio al termine della notte" finirà un po' prima, perché le strutture e le gallerie saranno aperte solo fino a mezzanotte, in compenso però il prezzo del biglietto sarà ridotto e in qualche caso, gratis. E poi in tutta la città saranno visibili 9 installazioni di opere d'arte.

Sarà sicuramente una buona occasione per scoprire i Tesori delle Civiche raccolte d'arte, che da decenni aspettano di essere visitate anche dai milanesi più pigri e che per l'occasione, saranno esposte agli occhi di tutti prima di finire nel Museo del Novecento all'Arengario.

A Palazzo Reale si entrerà con un biglietto ridotto a 4,50 euro ed è nella sala delle Cariatidi che potrete apprezzare Picasso, De Chirico, Casorati, Morandi e Boccioni. Kandisnsky invece sarà spostato temporaneamente nella Galleria d'Arte Moderna di via Palestro, mentre Modigliani al Palazzo della Ragione di via Mercanti.

Ma non è finita qui. Perché Milano è soprattutto arte. Oltre a MiArt infatti, c'è anche FuoriMiArt. Dopo (Con)Temporary Art sarà coinvolta anche la Fabbrica del Vapore di via Procaccini con tre eventi da non perdere.

Andiamo nell'ordine: Documentation Center for Visual Arts o Docva a cura di Careof e Viafarini, due associazioni culturali che si occupano di arte contemporanea.

 Il centro metterà a disposizione di tutti ogni tipo di materiale d'arte raccolto e una biblioteca, una videoteca e una banca dati. A inaugurare il Docva un'artista di fama internazionale Liliana Moro che proporrà ai suoi visitatori la sua mostra dal titolo "This is the end".

L'ultimo appuntamento in città con FuoriMiArt è con la collettiva Kairos. Il tempo emotivo, dodici opere di autori lombardi selezionati per la Biennale dei giovani artisti dell'Europa e del Mediterraneo.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche