×

Inchiesta Parco delle Cave, continuano i lavori con nuove recinzioni e tanti dubbi: i video

Condividi su Facebook

A poco di un mese dalla prima volta in cui siamo stati al Parco delle Cave, le cose sono molto cambiate: in peggio. Abbiamo avuto alcuni riscontri dalle autorità, poco producenti a dire il vero, perchè pare che non sia mai colpa di nessuno, ma i lavori del piano di intervento integrato, nel frattempo, procedono incessanti.

Tanto che abbiamo deciso di tornare a fare un giro proprio – è il caso di dirlo – sul luogo del delitto, per vedere dal vivo cosa sta succedendo.

Nel video si possono vedere le transenne che circondano il sentiero, che presto diventerà una strada a doppio senso a ridosso del parco, con affissi i cartelli informativi come succede per ogni caso di lavori in corso, sfortunatamente di informativo hanno ben poco, perchè manca: permesso di costruzione; data di rilascio; proprietario; direttore di cantiere; assistente tecnico; responsabile della sicurezza; coordinatore lavori; calcolatore statico; eventuali subappalti; 10° numero presunto di lavoratori in cantiere; 11° numero previsto di ditte subappaltatrici; 12° importo lavori (se sono lavori pubblici); 13° Inizio lavori e fine lavori.

Tra i quali indispensabili per la regolarità del cantiere sono i punti 4-5-6-7

Tra i tantissimi punti oscuri di questa vicenda, che si infittisce ogni volta di più invece che diventare più chiara, c'è anche da registrare la totale mancanza di informazione da parte politica – soprattutto dell'opposizione in Comune – nei confronti dei cittadini, che sono rimasti completamente ignari di quello che stava accadendo loro intorno, privandoli quindi della possibilità di partecipare attivamente al progetto urbanistico, esprimendo la propria opinione.

La nostra visita al Parco delle Cave di ieri pomeriggio ha anche creato dell'interesse nei confronti dei passanti, che si sono raccolti intorno alle transenne per capire la situazione. Come si suol dire, da cosa nasce cosa, ognuno ha raccontato l'esperienza del proprio quartiere con un unico denominatore comune: l'insoddifazione dilagante nei confronti del potere dominante

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche