×

Una passeggiata al Parco delle Cave di Milano, con amare sorprese: i video della nostra inchiesta

Condividi su Facebook

Milano è spesso facile bersaglio di critiche perchè è una città caotica, incapace di rispondere ai bisogni dei cittadini, è una città fredda, grigia, asfissiata dallo smog, priva di spazi verdi.

A Milano, però, c'è anche un parco che è Tesoro del Mondo Fwt-Unesco è il Parco delle Cave, che si trova nella Zona 7 ad ovest di Milano, in fondo alla via Pompeo Marchesi.

A metà del Trecento Francesco Petrarca si trasferì per un lungo periodo a Milano, poco lontano da quest'oasi naturale, già splendida al tempo, e nell'immensa pace della natura, il poeta scrisse molto e perfezionò alcune delle sue opere più importanti.

Storia, cultura, ambiente, ecologia si amalgamo perfettamente in un luogo di rara bellezza da salvaguardare come eccellenza della nostra città e "Tesoro del Mondo", così come un ente internazionale l'ha insignito.

Il 23 febbraio 2006, però, la giunta Albertini,agli sgoccioli del mandato ,approva il progetto folle di quattro casermoni a ridosso del parco, alti circa 28,5 metri – un'altezza media di nove piani – con una cubatura di centododicimila metri cubi e su una superficie al 20% già pubblica. Poco lontano, facente parte sempre dello stesso progetto, anche un centro commerciale, un parcheggio e un via vai di macchine, che ucciderà l'oasi naturalistica.

Siamo stati a fare un giro nel Parco delle Cave insieme a Massimo De Rigo, uno dei fondatori del comitato per la salvaguardia del Parco delle Cave e quello che vedete nelle immagini, non è nulla rispetto alla realtà e soprattutto a quello che sarà il disastro, se il progetto dovesse essere portato a termine.

E' difficile rendere giustizia a un caso così delicato, che meriterebbe l'attenzione totale, non solo dell'opinione pubblica, ma soprattutto delle autorità.

Inascoltati fino ad oggi gli appelli del comitato per la salvaguardia e di tutte le associazioni. E' legittimo pensare che ci siano degli interessi che vanno al di là dell'importanza della tutela ambientale.

Una tutela sbandierata ai quattro venti da Letizia Moratti e Edoardo Croci, che stanno portando avanti – solo a parole – la loro personale battiglia ecologica.

Ascoltiamo allora l'appello di Massimo De Rigo, che più volte si è esposto in prima persona rispetto a questa incresciosa vicenda.

A farci conoscere questa storia, su cui ci sarebbe ancora tantissimo da raccontare, è stato Oliverio Gentile di PartecipaMi: ci uniamo a questa propaganda e continueremo a seguire l'evolversi della vicenda, che ci auguriamo prenda la direzione del buon senso.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche