×

In calo l'abbandono di cani a Milano, nel 2007 meno 22%

Condividi su Facebook

E' il dramma dell'estate e delle famiglie che partono per le vacanze, ma stupidamente, non sapendono dove lasciare il loro cucciolo decidono di abbandonarlo. Spesso trucidamente in mezzo all'autostrada, dove non solo l'indifeso animale rischia la vita, ma è pericoloso anche per gli altri autobolisti.

Negli anni le campagne contro l'abbandono sono diventate sempre più agguerrite, tanto che anche il diritto penale si è reso conto del problema e ora ci sono leggi severe per chi maltratta gli animali domestici, una sezione è dedicata anche all'abbandono.

Anni di campagne di sensibilizzazione dicevamo, che ora finalmente iniziano a produrre i loro frutti. A Milano nel 2007 sono stati 620 i cani portati al canile sanitario dell'Asl, perchè lasciati chissà dove dai padroni.

Tanti, sì, ma sensibilmente meno rispetto agli altri anni quando la media dei ritrovamenti era intorno agli 800 cuccioli. In grandi passi si fanno poco alla volta, ma quando si parla di emergenze è meglio non abbassare mai la guardia.

Oggi ad aiutare gli animali a non finire ai bordi di una strada c'è la tecnologia, chi compra un cane deve assicurarsi di mettergli il chip con i dati necessari a rintracciare il padrone in qualsiasi momento.

Così, finalmente, i malintenzionati ci penseranno due volte prima di compiere un gesto tanto orribile quale l'abbandono, se non altro per paura delle conseguenze. Il risultato raggiunto a Milano del 22% in mano di animali portati al canile è stato ottenuto grazie all'azione integrata tra Comune-Dipartimento Prevenzione Veterinario dell'Asl città di Milano e di tutto il mondo del volontariato. Ancora molto c'è da fare e, per farlo, è necassario l'aiuto soprattutto dei cittadini, che negli anni si sono dimostrati sempre più sensibili alle temetiche legate agli animali e alla loro tutela.

Cosa possono fare? Per esempio denunciare situazioni ritenute a rischio o informare le autorità nel momento in cui si assiste a un episodio di abbandono.

Ma ancora più importante, chi possiede a casa un animale domestico, cane o qualunque altro sia, non faccia nulla che non vorrebbe fosse fatto a se stesso. Avere un cucciolo è una scelta libera, è meglio pensarci un minuto in più prima di prenderlo che un minuto in meno quando è il momento di sbarazzarsene. 

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche