×

Nasce il primo polo del trasporto pubblico italiano tra Milano e Torino

Condividi su Facebook

Una nuova tappa nella storia delle relazioni tra Milano e Torino. Dopo il successo del "MiTo", la rassegna musicale realizzata congiuntamente dal Comune di Milano e quello di Torino, adesso l’ipotesi è una fusione strategica tra l’Atm – Azienda dei Trasporti Milanesi, e il Gtt – Gruppo Torinese Trasporti, per migliorare il collegamento tra le due metropoli del Nordest.

Una realtà che permetta di generare risorse per nuovi investimenti nelle flotte e nella qualità del servizio, con forti ricadute positive per i cittadini di Milano e Torino.

Il sindaco Letizia Moratti e il primo cittadino di Torino Sergio Chiamparino, in occasione del Forum Expo 2015, hanno dato il via ai lavori per costruire il primo polo del trasporto pubblico italiano. A gestire l'operazione sono Elio Catania, ex numero uno delle Ferrovie, ora a capo di Atm e consigliere di Intesa-San Paolo, Giancarlo Guiati e Tommaso Panero rispettivamente presidente e amministratore delegato di Gtt.

Il progetto, che potrebbe vedere le due aziende unite in tempi, forme e modalità ancora da definire, è attualmente in fase di studio, l'obiettivo, però, è chiaro e cioè migliorare i servizi e renderli sempre più competitivi. Dall'aggregazione tra le due aziende, infatti, potrebbe nascerebbe un gruppo che si posizionerebbe al nono posto in Europa tra quelli del settore, al primo in Italia e che si porrebbe come ''polo aggregante'' per le altre aziende di trasporto pubblico locale.

I benefici in termini di territorio possono essere significativi, perché ci possono essere un aumento dei mezzi pubblici, un maggiore comfort attraverso la climatizzazione, maggiori frequenze, una migliore logistica, senza escludere la possibilità di revisione dei prezzi, con tariffe più basse.

E proprio perchè è stato il forum dell'Expo a fare da scenario all'annuncio della sinergia Milano – Torino, non poteva non mancare un accenno alla questione ambientale, che la Moratti ha riassunto così: "Nel nostro piano di mobilità sostenibile c’è il rafforzamento del trasporto pubblico, proprio perché attraverso questo si può anche migliorare la qualità dell’aria.

Lo studio di questo progetto si inquadra in questa operazione, con il trasporto pubblico che può uscire ulteriormente rafforzato". Il sindaco di Torino, Chiamparino, ha concluso specificando che le due aziende avranno peso e caratteristiche diverse, ma trovare un equilibrio per mantenerela gestione del servizio nella propria città è comunque possibile.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche