×

Problema case a Milano: quante belle pezze che non risolvono l'emergenza

Condividi su Facebook

Gli scandali sono all'ordine del giorno, quando però riguardano il tema della casa è inevitabile una maggiore indignazione. Non per altro, perchè se è vero che la quarta settimana mette in ginocchio migliaia di famiglie, se è vero che non ci sono abbastanza case popolari, se è vero che gli stipendi non sono adeguati all'aumento dei prezzi, allora è anche vero che chi deve convivere con mutui e affitti alle stelle non può che incazzarsi scoprendo alloggi comunali che vengono affittati in pieno centro a 6 euro la mese.

Poi però ci si pone una domanda. Ci rimaniamo male, protestiamo, risolviamo il problema dell'affitto a 6 euro, scacciamo i furbetti dall'abitazione, e il problema rimane. Quindici mila persone, titolate, stanno aspettando una casa. Le case però non ci sono e, non solo a MIlano, investire sugli alloggi popolari è un tabù.

Non solo, sapete bene che i quartieri che ospitano casermoni popolari alla fine si trasformano in zone senza controllo- inaccessibili alla giustizia – che vengono abbandonate a se stesse, quasi come se il concetto di ghetto della povertà fosse ormai parte della nostra mentalità.

Non c'è più spazio per la dignità.

Molti di noi conoscono persone oneste costrette a vivere nel degrado, famiglie che quotidianamente lottano per tenere lontana la propria prole dalle mille tentazioni che questi ghetti offrono. E' questo il vero problema: non si costruisce, è vero, ma si abbandona anche ciò che già si è edificato. 

E così, in Comune, arriva una richiesta di verifica sulla regolarità dell'assegnazione dei 24 appartamenti affittati in zona Brera a Milano.

Nello stabile comunale, in cui si accede attraverso la graduatoria delle case popolari, c'è una donna che paga sei euro al mese per vivere da pascià in un appartamento da 70 metri quadri.

Certo, è giusto colpire i furbetti, ma se il Comune si applicasse nell'arte dell'andare oltre ciò che si vede, proprio prendendo spunto da questo caso, potrebbe anche trovare una soluzione al problema delle case.

Invece ci si sfida a colpi di piccoli scandali che, anche se risolti, riescono a lasciare tutto invariato.

E voi, che state aspettando una casa, giustamente vi incazzate. Perchè questa non è ricerca della giustizia, è solo una pratica per mettere delle pezze ad un problema che è destinato a rimanere nel cassetto del dimenticatoio di Palazzo Marino. 
2

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche