×

Strisce blu gratis per i residenti? Accordo trovato con il Comune

Condividi su Facebook

Parcheggi a pagamento atto secondo.

Le strisce blu per la sosta soggetta a tariffa oraria hanno invaso da tempo Milano fomentando l'ira dei residenti che si sono trovati spaesati sulle modalità di entrata in vigore e senza sapere dove mette l'auto.

Da ieri, anzi a dirla tutta dal nuovo anno, possono, invece, tirare un sospiro di sollievo. La Giunta ha trovato un accordo per cui i residenti possono sotare gratuitamente nelle strisce blu del proprio quartiere senza incorrere in sanzioni.

Obiettivo raggiunto e soddisfazione generale, ecco un segnale di come si va incontro alle richieste dei cittadini. 

Però, c'è sempre un però, non tutti hanno accolto con entusiasmo questa decisione. E' vero che il cittadino va tutelato, ma la Lega si è fatta portavoce anche dei lavoratori, prendendo come esempio il caos traffico e conseguente congestione del parcheggio durante la fiera del ciclo e motociclo della scorsa settimana, che a fronte di un grande successo di pubblico ha portato alla luce un problema reale – di cui comunque tutti già conoscevamo l'entità.

Accusando, tra l'altro, le istituzioni di non cercare delle soluzioni serie e adeguate alla situazione e lasciare tutto all'improvvisazione. Di parere assolutamente contrario l'assessore ai trasporti pubblici, Edoardo Croci, che sulla stessa lunghezza d'onda di Forza Italia e An pensa di aver trovato la giusta linea per la regolamentazione della sosta, tanto che si pensa di prendere in considerazione anche altri interventi mirati come le tre diverse fasce tariffarie a seconda della zona, ma questa è un'altra storia.

Spostiamo per un attimo l'attenzione su un fattore della sosta a pagamento che fa rimanere perplessi tutti i cittadini, ma di cui nessuno si occupa: la modalità di pagamento. Trovare una colonnina che emetta biglietti è una vera e propria chimera. Gli addetti ambulanti che vendono gratta e sosta si contano sulle dita di una mano, bar e edicole possono per mille motivi non essere forniti di cartoncino.

Quindi, per incentivare e non fare infuriare chi cerca parcheggio e si è dimenticato che una volta c'erano anche delle strisce banche sarebbe bello proporre dei metodi di pagamento alternativi: cellulare, carte prepagate qualsiasi cosa che non faccia perdere mezz'ora di giorno e soprattutto di notte (perchè in alcune zone la tariffa è 0-24) ogni volta che si lascia la macchina in un rettangolo blu.

Assessori pensi anche a questo nel suo piano.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche