×

Wireless Castle: il progetto online senza fili parte dal Parco Sempione

Condividi su Facebook

Navigare in rete gratuitamente stando seduto al parco oggi si può e il Parco Sempione diventa il fulcro del collegamento wi-fi.

Presso la Torre Bianca, l'Acquario, la Triennale e la Biblioteca Civica, i milanesi potranno ritirare  la scheda per l'accesso a Internet.

Voi portate il vostro computer, il Comune vi connette al web.

Il primo passo della copertura Internet senza fili fa parte di un progetto molto più ampio, che entro il 2009 poterà a Milano 15 mila punti di accesso wireless all'aperto.

Visto il clima non più esattamente estivo di questi giorni, forse è un pò freddino per immaginare le nostre giornate sdraiati sotto un'albero con un pc a fare ricerche in rete.

Però, pensiamo in grande.

Sia per diletto che per lavoro o studio, poter accedera Internet gratuitamente e da diversi punti della città è sicuramente una grande opportunità, un futuro verso cui si muove da tempo mezza Europa. Milano ha dalla sua la fortuna di una rete in fibra ottica che copre il 95% del territorio, l'intera metropolitana è cablata e tra lampioni e semafori ci sono almeno 20.000 siti ideali dove posizionare le antenne per le stazioni wi-fi.

E poi non solo parchi e luoghi all'aperto avranno il vantaggio del "senza fili", ma anche scuole, centri sportivi, siti di interesse turistico e tutti i luoghi di aggregazione. Entro due ann, insomma, non vedremo più, dal ragazzino al manager, maneggiare il cellulare, ma tutti in giro con il propro laptop

No, speriamo che un progetto che intende portare alla città numerosi vantaggi anche in termini di servizi, non diventi una sorta di alienazione collettiva.

Francamente sarà difficile, dato che la diffusione di Internet in Italia non è ancora così dilagante e vi viene vista da alcuni anche in modo scettico. Resta comunque una prova importante da affrontare e un esempio positivo di come, quando c'è collaborazione tra le coalizioni per raggiungere un obiettivo comune, i risultati si vedono e ne possono beneficiare davvero tutti. La rete è globale per definizione.
0 Post correlati Ospedale di Rho, accuse di malasanità: garze ‘dimenticate’ e tumori ignorati Festa della Donna 2011, tra divisioni e discriminazioni dure a scomparire Racket delle mimose, la nuova video inchiesta di Sos Racket e Usura La Villa Reale di Monza non si svende ai privati, appello a Giorgio Napolitano “

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche