×

Welfare, le videointerviste: lavoratori e pensionati ci parlano del referendum

Condividi su Facebook

Si chiudono oggi le votazioni per il referendum sul Welfare, un voto inizato tra le polemiche di brogli di cui Rizzo (Pdci) conferma di avere le prove. Romano Prodi, reduce dalla trattative per i giacimenti di Kashgan come ci spiega Sostenibile, si dice soddisfatto, ma lo attendono giorni di fuoco se venerdì non passerà l'esame l'esame del Consiglio dei Ministri.

Lo aspettano al varco Ferrero, Bianchi, Mussi e Pecoraro Scanio oltre ai vertici della sinistra radicale Diliberto e Giordano, che ha promesso di contestare il referendum in caso di vittoria del sì.

Anche in Rete il dibattito sul Welfare scalda e preoccupa gli animi. Agorà si dice sorpreso e sconcertato per la leggerezza e la superficialità dimostrate da Rizzo nel lanciare un messaggio sull'inaffidabilità e la poca onestà del sindacato; Verde e di sinistra cita una dichiarazione antidemocratica di Prodi: "L'esito del referendum sarà da ascoltare e da prendere in seria considerazione.

Ma il protocollo sul welfare non sarà modificato" e Makìa spiega le ragioni del suo voto. 

Ormai è certo che gli scrutini vedranno vincere i sì, ma la partita si giocherà scendendo a compromessi con la sinistra radicale e i ministri dissidenti.

Ieri, durante le votazioni, siamo andati alla Camera del Lavoro di Milano per raccogliere le opinioni sul referendum per il Welfare. Vi riproponiamo qui sotto il video delle interviste.

Ai seggi pochi giovani e molti pensionati e lavoratori adulti, tutti convinti del .
0

Scrivi un commento

1000

Leggi anche