×

Cirano di Bergerac all'ospedale Buzzi di Milano

Condividi su Facebook

Martedì 15 maggio, alle ore ore 17.00, GIRANDOLA Onlus – Associazione Angiomi e Malformazioni Vascolari nell’Infanzia – in collaborazione con la Compagnia Teatri Possibili presenta CIRANO DI BERGERAC di Edmond Rostand con la regia di Corrado d'Elia (ingresso gratuito).

Sono anni che la Compagnia Teatri Possibili rappresenta questo spettacolo nelle sale italiane, raccontando la magnifica storia di Cirano, uomo eroico e virtuoso insuperabile della spada e della parola.

Cirano poeta romantico, l'innamorato senza speranza.

Cirano diventa il simbolo di una diversità che vince, o meglio, di una diversità che si annulla di fronte a sentimenti più grandi. Il suo amore e la sua generosità lo rendono eroico. Perchè non c'è naso che possa nascondere il cuore. 

Martedì 15 Maggio alle ore 17.00 lo spettacolo andrà in scena in una sede inusuale, l’Aula Magna dell’Ospedale dei Bambini “V.Buzzi” di Milano, destinato ad una platea composta dai ragazzi affetti da angiomi e anomalie vascolari, dai loro amici e dalle loro famiglie, oltre che dai Medici e dal personale dell’ospedale.

Il naso di Cirano oggi per noi è simbolo di un difetto fisico, di un’imperfezione estetica che non può essere nascosta. Quasi grottesco, sembra voler catturare l’attenzione su di sé e prendersi gioco della reputazione di chi lo “indossa”. “Perché non mi guardi negli occhi?” parrebbe dire Cirano alla sua amata Rossana e al mondo intero, un mondo che giudica le persone solo dall’apparenza.

Quello che vogliamo proporre è un mondo che sceglie i suoi eroi e le sue eroine per i valori che rappresentano, un mondo che sappia amare Cirano e riconoscere in lui un eroe dietro quel suo naso beffardo, un mondo libero da pregiudizi che dia spazio al valore dell’anima.

Un'iniziativa promossa da Dr.ssa Vittoria Baraldini (Specialista in Chirurgia Pediatrica e Chirurgia Vascolare) e dal Prof. Gianni Vercellio in veste di Responsabile del Centro Angiomi e Malformazioni Vascolari nell'Infanzia.

Scrivi un commento

1000

Leggi anche