×

Al Teatro delle Erbe lo spettacolo-performance "Saul"

Condividi su Facebook

Al Teatro delle Erbe di Milano, fino al 13 maggio, andrà in scena in prima nazionale lo spettacolo – performance SAUL, presentato dalla compagnia teatrale S139 per la regia di Matteo Mo, con il patrocinio del Comune di Milano – Assessorato alla Cultura – Settore Spettacolo e prodotto da Sabaoth Coop.

Sociale onlus.

Si tratta di un progetto artistico con il quale S139 inizia il suo cammino nella costruzione del cosiddetto Teatro Bonsai, un nuovo modo di pensare il teatro che mira a riflettere sulla figura stessa dell’attore e sulla funzione etica della pura teatralità.

SAUL è uno spettacolo denso di simbolismi, dove tutto è ridotto ai minimi termini: la scenografia è scarna, minimale; il palco è nudo, illuminato da qualche faro e alcune lampade; la durata ridotta a 45 minuti.

Protagonisti della scena due attrici e una lavatrice, ovvero l’essere umano e l’oggetto-simbolo a confronto: la loro relazione è fatta di gesti portati all’estremizzazione, attraverso la danza, la “spettacolarizzazione” e soprattutto la scenografia, finalmente co-protagonista della scena e non più semplice decorazione.

Ne nasce una pièce intensa e autentica, dove improvvisamente è l’oggetto ad essere chiamato attore in base alla direzione che la scena si sceglie ed è il gesto ad avere la forza di creare, divenendo recitato, danzato, musicato.

Interamente ideato, scritto e diretto da Matteo Mo, direttore della compagnia, Saul è frutto della collaborazione professionale di tutti i componenti del gruppo.

Elisa e Mara Risitano, oltre ad essere protagoniste dello spettacolo, ne hanno curato le traiettorie coreografiche. La colonna sonora dello spettacolo – “My Love” – nasce dalla sensibilità di Valeria Fondi Di Pietro, con l’arrangiamento e l’orchestrazione di Franco Muggeo.

Infine, la costruzione materiale delle scenografie (ideate dallo stesso Mo), è affidata allo scultore Istvan Zimmermann e al suo studio Plastikart di Cesena (in collaborazione con il laboratorio Pklab), già costruttore di molte scenografie della compagnia Societas Raffaello Sanzio di Romeo Castellucci, tra i più grandi nomi della performance internazionale
0

Scrivi un commento

1000

Leggi anche