×

Fumetti e street art: a Milano arriva il murales di Diabolik

Condividi su Facebook

Un murales che celebra Diabolik, è solo l'ultimo tassello di una maxi opera di street art che celebra i fumetti al Municipio 6 di Milano.

murales milano diabolik
murales milano diabolik

Il fumetto di Diabolik si trasforma in un murales nel Municipio 6 di Milano. È l’opera dei We Run The Streets Milan, il collettivo di street artist con base a Milano che usa l’arte per riqualificare zone difficili.

Murales di Diabolik a Milano

Grazie ad una collaborazione tra il Presidente di Muncipio 6 di Milano e We Run The Streets Milan, ora in via Pesto si mostra in tutta la sua bellezza il nuovo murales ispirato al fumetto Diabolik.

Circa 500 metri di parete, riconvertita in un maxi murales che è diventato un maxi fumetto da leggere passeggiando lungo via Pesto, situata tra via Tolstoj e via San Cristoforo. Con gli artisti e il Presidente di Municipio 6, Sandro Minniti, hanno collaborato alla realizzazione del murales anche la Casa Editrice Astorina, il condominio di Via Savona 97, il MUDEC – Museo delle Culture di Milano e gli sponsor tecnici ed economici New Lac, Consorzio Bramante e Vibrostop, l’azienda che ha sede proprio al di là del muro dove è stato disegnato il fumetto.

Con questo nuovo murales ispirato ad uno dei fumetti che non smette mai di appassionarci, prende forma sempre di più il progetto del Quartiere dei Fumetti, fortemente voluto dal Presidente Santo Minniti per la riqualificazione della zona. “Dopo il successo dell’opera dedicata a Guido Crepax e a Valentina ( il suo personaggio più famoso), sta prendendo forma l’idea lanciata dal Municipio 6 di realizzare un distretto che racconti Milano attraverso la storia dei comics italiani racconta il Presidente Minniti.

“La realizzazione di questa opera, finanziata interamente dagli sponsor, ci offre l’occasione di rendere attrattivo un quartiere fino a pochi mesi fa inospitale, celebrando l’arte del fumetto che rappresenta una parte importante della nostra cultura popolare” conclude Minniti.

Leggi anche

Contents.media