×

Frecce Tricolori a Milano: l’esibizione in ricordo delle vittime del Covid

Condividi su Facebook

Il sorvolo delle Frecce Tricolori ha avuto luogo poco dopo le 10.30 di lunedì 25 maggio in ricordo delle vittime del Covid-19.

frecce tricolori milano
frecce tricolori milano

Le Frecce Tricolori tornano a Milano. L’ultima esibizione risale all’ottobre 2019, in occasione della grande festa per la riapertura dello scalo di Linate. L’appuntamento è avvenuto nella mattinata di lunedì 25 maggio quando la Pattuglia Acrobatica Nazionale ha sorvolato Milano per poi dirigersi verso Codogno, primo comune italiano dove è esplosa la pandemia.

Frecce Tricolori a Milano: quando vederle

La pattuglia acrobatica nazionale, famosa per le spettacolari acrobazie ha deciso di rendere omaggio a suo modo all’Italia in questo particolare momento difficile. A partire dal 25 maggio, dunque, è previsto un vero e proprio tour che toccherà tutti i principali capoluoghi d’Italia per concludersi a Roma, il 2 giugno, data in cui era prevista la tradizionale parata ai Fori Imperiali, cancellata causa Coronavirus.

Il programma prevede come prime “tappe” i cieli della Lombardia, e in particolare quelli di Codogno, centro lodigiano simbolo del contagio in Italia.

Il programma

Il 26 maggio la pattuglia passerà per Genova, Firenze, Perugia e L’Aquila. Il 27 Cagliari e Palermo mentre il giorno successivo toccherà a Catanzaro, Bari, Potenza, Napoli, Campobasso per poi arrivare il 29 maggio a Loreto, Ancora, Bologna, Venezia e Trieste.

Il 2 giugno è prevista l’esibizione sopra i cieli di Roma nonostante la cancellazione della grande festa per il 74esimo anniversario della proclamazione della Repubblica.

Il post del sindaco Sala

Anche il primo cittadino di Milano ha voluto ringraziare la pattuglia acrobatica per il pensiero. Sala ha dunque postato sui suoi social una foto che lo ritrae sulle Terrazze del Duomo con il tricolore e la mascherine e la scia degli aerei nel cielo: un’immagine toccante e di grande speranze per il nostro Paese.

Visualizza questo post su Instagram

“Patria” deriva dall’aggettivo patrius <paterno>. E’ così che mi piace pensarla.

Un post condiviso da Beppe Sala (@beppesala) in data: 25 Mag 2020 alle ore 3:03 PDT

Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Lavora per Entire Digital


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Antonella Ferrari

Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Lavora per Entire Digital

Leggi anche